Cinque comuni insieme per potenziare la Polizia Municipale

Dopo Castiglione Olona e Venegono Inferiore, anche Venegono Superiore approva la convenzione destinata a rafforzare la presenza sul territorio dell’organo comunale

Cinque comuni insieme per rafforzare la presenza della polizia municipale sul territorio. È questo il contenuto della convenzione approvata ieri sera all’unanimità dal consiglio comunale. Venegono Superiore è così il terzo comune che approva il documento dal titolo “Cinque comuni insieme, l’unione fa la forza”. Ultimamente, la stessa convenzione è stata approvata dai comuni di Castiglione Olona e Venegono Inferiore. Nei prossimi giorni dovrebbe essere approvata anche dai comuni di Gornate Olona e Vedano Olona, quest’ultimo capofila del progetto.

 

In cosa consiste questa convenzione? La Regione Lombardia ha finanziato il progetto al 70%, stanziando un cifra pari a 114 milioni per l’acquisizione di strumenti operativi di tutela del personale, per il rinnovo di incremento delle dotazioni tecnico-strumentali e del parco autoveicoli, nonché per l’incremento della fascia oraria. Altri 50 milioni circa, a completamento del progetto, saranno a carico delle cinque amministrazioni. Tra gli obiettivi di questa convenzione vi è soprattutto l’incremento della fascia oraria, che dalle solite 12 ore giornaliere passerà a coprire anche orari notturni e serali; inoltre sarà poi attivata un’unica centrale operativa con la funzione principale di creare un definitivo collegamento tecnico tra le forze di polizia comunali.

 

Il progetto avrà la durata di un anno e terminerà, quindi, nel dicembre del 2002. Congiuntamente al comune di Venegono Inferiore, quest’estate, l’amministrazione di Veneogno Superiore aveva messo in atto un potenziamento temporaneo dei vigili. La stessa cosa avevano fatto tra di loro gli altri tre comuni. Il successo ottenuto dal progetto ha fatto sì che si creasse oggi questa corposa operazione congiunta (3+2). Operazione che coinvolge gli organi di polizia municipale di ben 5 comuni della zona, coprendo così un bacino pari quasi a trenta mila cittadini.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.