Don Ciotti: «Nessuna paura nello stare dalla parte della legalità»

All'incontro, tenutosi in mattinata a Luino erano presenti Luigi Ciotti, fondatore della comunità Abele e Giancarlo Caselli, direttore generale del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria

"Il migliori nemici della mafia sono l’indifferenza e il cinismo". E’ con questa frase di don Luigi Ciotti, padre fondatore della comunità Abele, che si può riassumere il senso dell’incontro pubblico avvenuto questa mattina al teatro sociale di Luino.

All’incontro – organizzato dal liceo scientifico di Luino e dall’associazione Amici del liceo scientifico e che verteva sul tema "Globalizzazione e giustizia" – era presente anche Giancarlo Caselli, attuale direttore generale del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria  uno dei giudici più attivi contro i reati connessi col terrorismo delle Brigate Rosse e dal 1993 al 1999 Procuratore della Repubblica di Palermo

 

.

Don Ciotti è intervenuto parlando delle sue esperienze da "prete di strada" e "di periferia" maturate col contatto diretto nei confronti del disagio sociale, mentre Caselli ha espresso il suo pensiero nei confronti della mafia e di come combattere questo fenomeno.

All’incontro erano presenti le classi del triennio del liceo scientifico di Luino, oltre alle quinte della ragioneria, che al termine degli interventi dei due autorevoli oratori hanno posto alcune domande strettamente connesse con l’attualità e il rapporto politica-legalità.
Scontati i quesiti posti dai giovani in merito al rapporto tra questo governo e le potenzialità effettive di questo esecutivo a combattere la mafia. La risposta non si è fatta attendere da parte di Don Ciotti che ha parlato di "campanelli d’allarme", riferendosi alla questione delle rogatorie.
Un messaggio sulla condotta che tutti debbono tenere di fronte alla giustizia è stato nuovamente evidenziato da Don Ciotti, che ha affermato il "bisogno di non aver paura nello stare dalla parte della legalità»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.