E’ di scena il grande “Festival dei bambini”

La terza edizione del Festival dei Teari di Milano, promossa dal Piccolo Teatro di Milano è interamente dedicata al mondo dei bambini e vede la partecipazione di professionisti da tutto il mondo

La terza edizione del Festival dei Teatri d’Europa quest’anno è dedicata ai bambini.
Dopo la riuscitissima esperienza del 1999 e l’evento internazionale "Milano Europa 2000", i protagonisti diventano i bambini, il pubblico di domani, protagonisti dal 20 novembre al 23 dicembre, di una straordinaria festa del teatro dedicata ai più piccoli e a tutti coloro che credono nella magia del teatro. Compagnie italiane e internazionali saranno ospiti a Milano con produzioni di altissimo livello: gioco, animazione e sperimentazione coinvolgeranno i bambini e anche i grandi, in un’avventura unica nata dall’incontro di tradizioni, culture, linguaggi e teatri differenti.
Il Festival, che si svolgerà tra i teatri Strehler, Grassi e Studio, sarà una grande occasione per generare attenzione verso le compagnie teatrali milanesi e lombarde rivolte al teatro per bambini e per un progetto di interazione con le realtà territoriali della regione Lombardia.

Conoscere, scoprire e divertirsi, questi gli imperativi del Festival dei bambini, dove si susseguiranno allestimenti teatrali, mimi dalle mille espressioni, clown pasticcioni, acrobati che fanno tenere il fiato sospeso, affascinanti cantastorie e abilissimi marionettisti: il Festival vestirà i colori di una vivacissima festa
ricca di appuntamenti straordinari e da non perdere.
Insieme a genitori e insegnanti, i piccoli spettatori dai 4 ai 14 anni, avranno l’occasione di avvicinarsi da protagonisti
al magico mondo del teatro: in questa nuova, grande, casa
potranno giocare, assistere agli spettacoli, visitare mostre interattive, partecipare a laboratori di teatro e di giornalismo,
prendere parte a iniziative dedicate al cinema, alla televisione con RaiSat Junior, un canale televisivo "vietato ai maggiori"
che si rivolge al pubblico dei giovani, alla multimedialità oppure a incontri con autori, attori e personaggi celebri.
Per l’occasione la sala del teatro Strehler si trasformerà in un grande bosco disegnato dallo scenografo Emanuele Luzzati, dove i bambini incontreranno artisti provenienti da tutto il mondo (Francia, Italia, Austria, Spagna, Belgio, Lituania, Irlanda,
Canada, Colombia, Israele, Palestina…).

Il Festival in Lombardia sarà il segno di un vero e proprio dialogo culturale e artistico tra Milano e altre città della regione.
Un dialogo che si sviluppa secondo due progetti principali strettamente collegati: uno scambio di spettacoli tra il Piccolo e altri teatri della Lombardia e un collegamento via treno, realizzato in collaborazione con Trenitalia e riservato al giovane pubblico, tra Milano e altre città lombarde.

Spettacoli in programma al Piccolo saranno inoltre ospitati in altri teatri della Lombardia e andranno ad arricchire, nei mesi di novembre e dicembre, rassegne di teatro per ragazzi già in programma a Mantova, Lecco, Varese, in altre città lombarde e nella vicina Bellinzona, in collaborazione con Trenitalia e viaggiare sui normali treni di linea con notevoli sconti..
Lo stesso per i bambini che abitano fuori Milano che potranno raggiungere il capoluogo, visitare monumenti e musei e, infine, recarsi al Piccolo Teatro per gli spettacoli del Festival.
Gli animatori del Piccolo li accompagneranno per rendere il viaggio più sicuro e piacevole e per discutere insieme sugli eventi proposti dalle diverse città.
Si potrà andare a teatro tutti i giorni della settimana con la propria maestra, e il sabato e la domenica con i genitori. A teatro si potrà restare per tutto il giorno, si susseguiranno infatti 400 spettacoli a cura di 25 compagnie e 50 animatori.

Appuntamenti

Informazioni pratiche

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.