I DS «Sul PSE i cittadini non sono stati informati». Cadei: «solo falsità»

Giovedì sera un incontro pubblico promosso da Legambiente sul Piano di Programmazione Socio economico. Botta e risposta tra maggioranza e opposizione

Quale sviluppo sociale ed economico, quale lavoro, quali servizi, quale futuro per i cittadini della Valceresio? «Il piano pluriennale economico e sociale presentato dalla maggioranza di centro-destra che governa la Comunità Montana presenta un enorme numero di progetti, ben 138, ma – secondo il segretario dei Ds della Valceresio Mario Velli – non risponde a queste semplici domande». Velli  denuncia la superficialità e il pressappochismo della Giunta della Comunità Montana promettendo battaglia in tutte le sedi istituzionali.
«I cittadini non sono stati adeguatamente informati – dice – soprattutto in merito alla sconsiderata liberalizzazione della programmazione urbanistica».
E aggiunge: «Non sono chiari i costi degli investimenti e gli incentivi agli operatori; vengono snobbati gli obiettivi stabiliti dalla Comunità Europea e dallo Stato. In assenza di risorse certe il Piano rischia di restare privo di concrete possibilità di attuazione, pertanto i Ds si impegnano a promuovere e a partecipare a tutte le iniziative politiche unitarie con Legambiente e con il centro-sinistra necessarie a sensibilizzare l’opinione pubblica e a tentare di cambiare l’impostazione del Piano pluriennale nel Consiglio Provinciale».
Da contraltare alle affermazioni di Velli, quelle dell’assessore all’ecologia della Comunità Montana Valceresio Emanuele Cadei, che parla di attacco indiscriminato contro la maggioranza che governa l’Ente Montano.
«Abbiamo seguito l’iter normativo per la presentazione del piano, coinvolgendo da un lato le associazioni ambientaliste e  i sindacati, dall’altro gli attori istituzionali come i comuni e gli amministratori locali», conferma Cadei.
«In seguito alla presentazione del Piano in assemblea – continua  l’assessore – sono stati presentate alcune osservazioni, una decina in tutto, e su queste si aprirà il dibattito, con le debite risposte che verranno date prima di Natale. Su questi elementi si avranno quindi delle posizioni ufficiali da parte della Comunità Montana. In merito alle accuse mosse dalla minoranza, circa la carenza di informazione offerta ai cittadini, queste sono solo falsità. Ricordo che le assemblee della Comunità Montana sono pubbliche e tutti possono parteciparvi»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.