“L’Euro? Da oggi si sfoglia”

L’Associazione Artigiani presenta “EuroArt.”, la guida all’uso della Moneta Unica che servirà da strumento di lavoro per tutte le imprese

Riceviamo e pubblichiamo

Sapete che faranno le banche dall’1 gennaio 2002? Come si eviteranno gli errori nell’emissione degli assegni bancari? Che succederà alle imprese? Per rispondere a questo e ad altro è nata “EuroArt.”, una guida all’uso dell’Euro per l’impresa artigiana. Disponibile gratuitamente fra pochi giorni presso tutte le Delegazioni dell’Associazione Artigiani, “EuroArt.” andrà ai soci-clienti della struttura di Viale Milano. Non è un gadget, piuttosto un libricino formativo, chiaro ed esauriente grazie al quale far luce sulle diverse tematiche che interesseranno le aziende nel momento del passaggio dalla Lira all’Euro.

Formato da trentadue pagine a colori, illustrate da vignette simpatiche che colgono i problemi essenziali che potrebbero sorgere con l’utilizzo dell’Euro, la guida si divide in una parte generale ( “Euro. Una corsa a tappe”, “Euro. Cosa cambia in attesa del 2002”; “Eurogallery. Il volto della nuova valuta”) ed in una specialistica (“L’Euro in azienda”; “I riflessi contabili, fiscali e societari dell’introduzione dell’Euro”; “L’Euro e le paghe”). Si chiude con una sorta di appendice composta da “Euroquesiti” ed “Euroquiz” per testare, in fondo, se la guida ha raggiunto gli obiettivi di chiarezza e di comunicabilità.

Non si è dimenticato nulla: dai passi che dovranno essere compiuti dalle imprese per adeguarsi alla Moneta Unica alla famosa “Moneta scritturale”; del principio base “nessun obbligo nessun divieto” e continuità dei contratti ai mercati finanziari, dalle banche ai conti correnti in valuta ed Euro; dai depositi fiduciari alle obbligazioni e mutui.

Poi le conversioni e gli arrotondamenti, i calcoli intermedi, l’Euro quale valuta di fatturazione e registrazione. Chiarimenti ottenuti anche grazie agli interventi dell’Associazione Artigiani che si è mossa preventivamente nei confronti dei parlamentari varesini e della classe politica in generale affinché venissero apportate quelle modifiche legislative che potessero determinare minori formalismi e costi a carico delle piccole e medie imprese. E così è stato: basti pensare alla conversione del capitale delle società di persone dalle lire all’Euro. Il tutto è corredato da numerose tabelle esplicative (di facilissima lettura) e da esempi che nella forma del problema/soluzione forniscono un adeguato aiuto per affrontare i primi cavilli causati dall’Euro.

Insomma c’è proprio tutto ciò che volevate sapere: curiosità, tanti esempi e numerose informazioni. A tal punto che “EuroArt.” diverrà per qualunque imprenditore un regolare strumento di lavoro perché tascabile (quindi comodo), nello stesso tempo elegante; tecnico ma anche curioso. Le aziende che vorranno crescere, ne siamo certi, lo useranno regolarmente.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.