Passa a maggioranza il progetto di museo etnografico

Nel corso dell'assemblea comunitaria di ieri sera presentato il piano per la realizzazione dell'importante opera

Curiglia con Monteviasco avrà il suo museo etnografico. E’ di ieri la notizia dell’approvazione del progetto per la realizzazione del percorso culturale che prevede il recupero dei "mulini di Piero", uno spazio agreste che ancora racchiude forme, colori e tradizioni d’altri tempi e che la Comunità Montana Valli del Luinese ha voluto proteggere mediante la realizzazione di un museo.

Ad approvare il progetto la stessa assemblea della Comunità Montana riunitasi ieri sera – lunedì 12 novembre – , dove si è votato l’ultimo punto all’ordine del giorno passato a maggioranza. Quasi l’unanimità – il consigliere Frigerio si è astenuto – per un progetto riportato su supporto elettronico ed elaborato dagli uffici comunitari per essere presentato in sala.

L’obiettivo forse più "visibile" del progetto, per il quale verranno stanziati 1,8 miliardi di lire, consiste nel far funzionare come un tempo i mulini di Piero, frazione montana della già inerpicata Curiglia. Riportare la vita com’era quella dei pastori e di quanti lavoravano ai mulini, certo, ma anche un pensiero per il presente. Con la realizzazione di una quindicina di posti letto da dedicare al turismo e ai ragazzi delle scuole dell’obbligo, sarà possibile offrire brevi soggiorni in loco e far partecipare gli studenti alle "settimane verdi", ovvero ai progetti di educazione ambientale.
Inoltre, la creazione di una struttura di questo tipo – a detta del presidente della Comunità Montana Valli Luinese Silvio Fiorini – ricadrebbe come beneficio per l’indotto turistico della zona. 

Una prima tranche di lavori si è già conclusa mediante la ristrutturazione di quattro edifici storici: i mulini dell’Angiola, la Cà della Pesta, la segheria e i depositi dei cereali.

.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.