Sotto Il Melo spunta il Sudamerica

Venerdì una giornata tutta dedicata al continente: mercatino, dibattito, mostra, cena e spettacolo di tango

 

Terra di laghi, vulcani, foreste, praterie. Terra di cibi forti e passioni, di tango e di lavoro sfruttato. I sapori e le contraddizioni del Sudamerica, tutto in una giornata, venerdì 16 novembre, nel pieno dell’autunno freddo lombardo.
E’ l’iniziativa che l’Università del Melo manda in cantiere questa settimana, nell’ambito del progetto "Pianeta terra", nello spazio Planet soul.

Si comincia alle 15.30 nella sala Dragoni con l’incontro "Nicaragua, terra di laghi, lagune, vulcani….e povertà: quali alternative". Relatore sarà Marco Cantarelli, responsabile dell’Acra, una Ong molto conosciuta nel nostro territorio, e responsabile di alcuni importanti progetti di sviluppo in Centro America.

La mostra fotografica a corredo della giornata é invece dedicata alle donne e sarà sempre curata dall’Acra. 
Tra le 14.30 e le 24 sarà attivo il mercatino equo e solidale.

La cena, alle 20.30, prevede un costo di 30.000 lire e un menù indigeno. Tango, milonga e musica popolare argentina per la serata. Si esibisce il gruppo Trio Nuevo Encuentro Tango. David Pecetto al bandoneon, Miguel Angel Acosta alla chitarra e voce, Carlos Buschini al bajo. Sul palco anche i ballerini Alejandro e Cristina. Il solo spettacolo costa 10.000 lire.  

Il progetto Pianeta Terra in 7 righe
Pianeta Terra nasce come movimento nel 1999 in collaborazione con "Lo stesso cielo", Acli, Banca Etica, promossa dalla Fondazione il Melo. Obiettivo: divulgare la cultura della solidarietà tra i popoli e accrescere la conoscenza delle culture nel mondo. Nell’ottobre 2000, l’Università del Melo inaugura Planet soul, un nuovo spazio dedicato alla musica. Si trova in via Magenta 3.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.