Sotto la lente i livelli contrattuali di Poste e Telecom

Concluso da pochi giorni il secondo congresso SLC-CGIL. Nel documento politico un duro attacco al Libro Bianco del Ministro Maroni

«I delegati e le delegate esprimono forte perplessità sull’operazione che tende ad indebolire i livelli contrattuali stabiliti da alcuni Contratti Nazionali, come Poste e Telecom».
Questo un estratto del documento politico di sintesi che ha accompagnato le relazione finale del secondo congresso provinciale della SLC, la categoria sindacale compresa nella CGIL che cura il comparto dei lavoratori delle comunicazioni.

Una particolare attenzione ai livelli contrattuali, quindi, ma anche alle questioni afferenti in generale al mondo del lavoro.
«Bisogna programmare da subito – si legge nel documento redatto dalla commissione politica – iniziative anche di carattere locale per sconfiggere e dare battaglia alle impostazioni neo-liberiste disegnate dal Libro Bianco del Ministro Maroni, che è soltanto una fotocopia delle posizioni e dei desideri della Confindustria, tendenti a concorrere sul mercato europeo e internazionale speculando sul mercato europeo e internazionale speculando su salari, contratti e sui diritti sociali conquistati».

Un particolare riconoscimento è stato riconosciuto dai delegati al lavoro dell’ex segretario Giovanni Salandin che ha saputo gestire la complessità presente in un settore come quello della comunicazione.
Claudio Cauzzo è quindi il nuovo segretario provinciale della SLC; membri della segreteria sono stati nominati Luigi Barone e Gianni Antonio Pantaleo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.