Stevenazzi: «l’amministrazione comunale sta muovendosi per i commercianti»

L’assessore al commercio Sergio Stevenazzi risponde alle considerazioni rilasciate dal presidente tradatese dei commercianti

“Non è assolutamente vero che l’amministrazione comunale non fa niente per i commerciati”. Queste le prime parole dell’assessore al commercio e alle attività produttive Sergio Stevenazzi. Le affermazioni rilasciate dal presidente dei commercianti Attilio Aimetti, hanno provocato un dura risposta da parte dell’assessore. “Innanzitutto, il piano parcheggi di superficie esiste ed è evidente: Villa Mangiagalli, Via Zini, la via dietro la stazione. Sono tutti piani di lottizzazione dove sono in programma ampi parcheggi. Inoltre, non far pagare il parcheggio, e lasciarlo a disco orario, è stata una scelta politica: Tradate è uno dei pochissimi comuni della provincia dove la gente può parcheggiare senza pagare”.

 

Aimetti aveva sottolineato il fatto che il comune non risistemava il centro perché c’era da rifare prima tutta la fognatura. “Questa è una realtà – prosegue Stevenazzi –, e adesso questa amministrazione non vuole andare a spendere soldi per sistemare il centro, quando poi bisognerà ribaltare tutto per sistemare la fognatura. Per rifare la fognatura ci vuole un intervento della durata di circa 6 mesi che porterà non pochi disagi ai commercianti. Secondo me, potrebbe essere fatto nel giro di due anni”.

 

Invece, sono sempre più numerose le banche presenti sul territorio. Cosa pensa di fare l’amministraizone? “Stiamo attuando un piano del commercio. I 50 milioni che erano inizialmente stati destinati al piano del traffico, li abbiamo dirottati su questo piano commerciale dal quale usciranno molte nuove direttive. Direttive che riguarderanno il numero dei negozi e la posizione degli uffici nel centro”.

 

Quindi, per rivitalizzare il centro in tempi brevi, cosa ci vorrebbe? “Ci vuole una partecipazione un po’ più concreta dei commercianti. Come? Nel proporre le cose. Qualcuno propone, ma è un caso isolato, non trovano un accordo tra di loro. Questa è la realtà dei fatti. La dimostrazione è che per due anni è stato fatto il mercatino di Natale in Municipio, mentre quest’anno non si è fatto nulla. È bastato che la persona che aveva lanciato la proposta in passato se ne andasse da Tradate, che i mercatini sono saltati: tra di loro, i commercianti, non sono più riusciti a trovare un accordo. Poi, per far rivivere i centri cittadini ci vogliono le isole pedonali. L’esigenza del cittadino è quella di poter camminare liberamente senza il pensiero che qualche auto ti porti via”. Anche questa una realtà che tutti i cittadini sperano

sia presto attuata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.