Un convegno sindacale sul problema del “mobbing”

Nel corso della manifestazione verrà presentata anche la "guida per il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza"

Si terrà il prossimo 15 novembre presso il Circolo della Stampa di Corso Venezia a Milano un convegno a tema "Rischio mobbing". 
Questa parola di derivazione anglosassone indica una forma di terrore psicologico, caratterizzato dalla ripetizione protratta nel tempo, che viene esercitata sul posto di lavoro ad opera di un superiore o di colleghi di lavoro singoli o in gruppo, con lo scopo di intimidire una persona ritenuta scomoda.
Recenti studi europei dimostrano trattarsi di un fenomeno esteso; un lavoratore su 10 ha subito nell’ambito del suo lavoro atti di intimidazione, mentre 1 ogni 25 violenze fisiche. Ogni giorno, riferiscono gli ambulatori della Clinica del Lavoro di Milano, sette nuovi casi di mobbing vengono seguiti in Day Hospital.

Proprio per questi motivi si terrà l’iniziativa, organizzata da CGIL-CISL-UIL Lombardia, che si propone di discutere questa problematica, dando precise informazioni rivolte sia ai lavoratori che ai rappresentanti sindacali per la sicurezza.
Nel corso del convegno verrà infatti presentata la "guida per il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza". All’incontro parteciperanno i responsabili delle tre organizzazioni sindacali.

Questo il programma:

Introduzione
SANDRO ZACCARELLI
Segretario Regionale CGIL Lombardia

Coordinamento
TINO PEREGO
Segretario Regionale CISL Lombardia

Intervengono
RENATO GILIOLI
Responsabile del Centro del Disadattamento Lavorativo 
Clinica del lavoro L.Devoto di Milano – ICP

EMANUELA FATTORINI
Laboratorio di Psicologia e Sociologia del Lavoro – ISPESL – 

Dibattito

Conclusioni
VINCENZO FULGHESU
Segretario regionale UIL-Lombardia

Per informazioni rivolgersi a 
CGIL Lombradia 02-262541
CISL Lombradia 02-2410111
UIL Lombardia 02-262491

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.