Un teatro da dedicare ai giovani artisti

Le proposte di Luigi Maffezzoli, segretario della CISL-Ticino Olona sull'impiego del "Toni Barlocco Edoardo De Filippo"

Riceviamo e pubblichiamo

La chiusura di un teatro è sempre una brutta notizia. Da quando esiste l’uomo il teatro è stato il luogo più importante, insieme alla scuola, per la trasmissione, la crescita, lo scambio di valori culturali. La scelta di chiudere il Teatro "Toni Barlocco Edoardo De Filippo" e -se ho compreso bene- di trasformarlo in un palazzo residenziale, non sarebbe meno grave se la costruzione in discussione fosse una scuola. Condivido quindi il parere di tutti quei cittadini che si sono espressi contro questa decisione e mi auguro che le autorità comunali siano ancora in tempo per intervenire.

In un momento molto difficile per tutta l’umanità, in cui odio e integralismo rischiano di sopraffare i valori della convivenza e dell’accoglienza, tenere in vita un teatro, oltretutto di lunga tradizione, è anche un gesto a favore della libertà di espressione e dell’incontro interculturale, indispensabili per affermare pace e sicurezza.

Auspico che il teatro Barlocco – De Filippo riapra al più presto. Nel territorio esistono molti gruppi, soprattutto di giovani, che nel loro tempo libero si esprimono in attività teatrali o musicali e che spesso vivono la difficoltà di trovare luoghi dover poter dar vita alle loro rappresentazioni. Perché non far diventare il teatro di San Vittore uno spazio privilegiato per tutti gli attori e i musicisti, potenzialmente famosi, del territorio? Perché non creare una cooperativa di artisti che, in collaborazione con i comuni, si faccia avanti per la sua gestione? Un teatro in meno e un territorio si ritrova più povero.

Luigi Maffezzoli

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.