I tigli di Agra sono salvi La Provincia ha detto no

La Provincia di Varese ha espresso in un documento la propria avversità al progetto che prevedeva l'abbattimento di quasi 100 tigli per fare posto a un marciapiede e a un collettore fognario

Tirano un sospiro di sollievo tutti gli ambientalisti, ma anche i consiglieri di minoranza del Comune di Agra e i cittadini che si erano mobilitati per cercare di salvare il filare di alberi del viale di ingresso al paese situato sopra Luino.
In un progetto di lavori pubblici, infatti, era stato previsto dall’amministrazione comunale anche l’abbattimento di quasi cento tigli, per fare posto a un collettore fognario e a un marciapiede. Dopo diverse iniziative da parte di Verdi Ambiente e Società, Wwf e Legambiente di sensibilizzare i diversi enti competenti anche attraverso la stampa locale, finalmente è giunta la prima ma decisiva risposta da parte della Provincia di Varese, ente direttamente interessato nel progetto poiché in parte finanziatore dell’opera e di conseguenza responsabile di tale operazione. 
Con un documento a firma dell’assessore alla Tutela Ambientale, Francesco Pintus, dunque, indirizzata al Sindaco del Comune di Agra e alla Sovraintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano, la Provincia di Varese dichiara la propria avversione al progetto di abbattimento dei tigli di viale Roma, ritenendoli un bene ambientale da salvaguardare.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 agosto 2002
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.