Insubria, corsa alle iscrizioni

Già 1700 iscritti ai test per i corsi a numero chiuso. Gettonate soprattutto Medicina e Scienze della comunicazione. Tra le lauree brevi presa d'assalto Fisioterapia

E’ il momento della verità per centinaia di studenti varesini e comaschi. Sono oramai complete le liste per i test di ammissione ai corsi a numero chiuso. L’affluenza all’Università dell’Insubria sta confermando il trend dello scorso anno. L’ateneo varesino è una macchina rodata, aumenta e consolida il suo rapporto con la città, suscita speranze, entusiasmi, ospita progetti di vita.
Il termine per l’iscrizione a  tutti i test è ormai scaduto da una settimana circa. Per quanto riguarda la sede varesina sono già 1700 i ragazzi che hanno presentato domanda per partecipare alle prove scritte. Numeri in linea con le domande del 2001
Il corso di laurea più richiesto è ancora quello di Medicina e Chirurgia, dove  489 ragazzi si disputeranno i 130 posti disponibili. Conferma il suo successo anche Scienze della Comunicazione, che mette a disposizione 120 posti, finora ambiti da 263 aspiranti comunicatori. Sarà una vera e propria ecatombe invece il test di Odontoiatria e Protesi dentaria. Il corso di laurea che apre la porta ad una professione lucrosa ha raddoppiato i suoi posti rispetto allo scorso anno, passando da 10 a 20, ma ha già in fila ben 209 studenti. 
Più familiare l’atmosfera a Biotecnologie. Il test si svolgerà il   9 settembre e gli iscritti sono 44. 
Un discreto successo continuano a riscuotere anche le lauree brevi sanitarie. La professione di Fisioterapista è certamente la più appetita. Sono infatti 377 gli studenti che hanno barrato la casella del corso come prima delle tre scelte possibili, mentre saranno solo in 70 ad essere accettati. Recupera punti il corso per Infermiere: 200 posti già virtualmente occupati dai 204 iscritti, per una prospettiva di vita che negli ultimi anni ha mostrato poco appeal e ha fatto traballare l’intero sistema sanitario italiano.
Le altre lauree brevi sono: Ostetrica (26 iscritti su 20 posti dispinbili), Igienista dentale (12 iscritti su 15 posti disponibili), Tecnico sanitario di laboratorio biomedico (9 su 15), Tecnico sanitario di radiologia medica (25 su 15). Più delicato il discorso per il nuovo corso di Educatore professionale. Il corso partirà solo se il Ministero dell’Istruzione lo approverà prima del 10 settembre. I posti sono 20 a Varese e 40 a Bosisio Parini. Le domande sono 59.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 agosto 2002
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.