Opposizione: «L’amministrazione non è capace di spendere»

Prosegue la polemica sull'assenza della minoranza al consiglio comunale in cui è stato votato il bilancio del 2001

Non accenna a diminuire la polemica nata durante l’ultimo consiglio comunale svoltosi sabato 3 agosto. Unici punti all’ordine del giorno sono stati l’approvazione del bilancio consuntivo 2001 e l’approvazione della destinazione dell’avanzo di amministrazione. Unico rappresentante della minoranza presente in aula Cesare Martinelli della Margherità, assenti la lista civica Città Nuova, i Democratici di Sinistra e Rifondazione Comunista. La polemica è nata proprio in aula con Martinelli che ha sottolineato l’indisposizione del comune a spostare la discussione a una data in cui potessero essere tutti presenti. Nella risposta il sindaco Stefano Candiani ha dichiarato che è dovere dei consiglieri comunali essere presenti nelle sedute, qualunque sia la data di convocazione.

«Durante la conferenza dei capigruppo di alcune settimane fa la maggioranza ha prospettato l’esigenza di convocare un consiglio comunale per discutere ed approvare la destinazione dell’avanzo di amministrazione del 2001 e che la prima data utile sarebbe stata il 3 di Agosto – spiegano oggi in un comunicato congiunto le tre forze della minoranza non presenti in consiglio – Le minoranze hanno fatto presente che in quella data non avrebbero potuto garantire la presenza in quanto quasi tutti i consiglieri sarebbero andati in ferie e hanno ricordato che per l’approvazione del conto consuntivo era stata concessa una deroga per via delle elezioni del 26 maggio u.s ( il conto consuntivo andrebbe approvato entro il 30 giugno) , si poteva perciò incominciare la seduta il 3 Agosto e aggiornare i lavori al 23 di Agosto per poter permettere a tutti i gruppi di minoranza di partecipare alla discussione. 
Gli esponenti della Lega hanno reagito a questa nostra proposta sostenendo che perché una seduta sia valida sarebbero bastati 7 consiglieri, e che alla proposta della minoranza sostanzialmente non erano interessati. Un atteggiamento che preferiamo non commentare in quanto si qualifica da solo».

La minoranza entra poi nel merito del documento approvato: «il conto consuntivo e’ l’indice della capacità di spendere le risorse, in base ad una pianificazione che si effettua con il bilancio di previsione, che lo Stato mette a disposizione del comune. Gli avanzi di amministrazione ci sono sempre stati in cifre sempre "fisiologiche". Da quando amministra la Lega , però, abbiamo assistito ad avanzi di amministrazione sempre miliardari. Questo ha voluto significare che i soldi da Roma sono sempre arrivati e che le giunte leghiste non sono state capaci di spendere, neanche per le cose previste. Avremmo preferito che il primo atto importante della nuova legislatura avesse visto la partecipazione di tutti i gruppi e che soprattutto fosse avvenuto un cambio di rotta nei rapporti tra maggioranza e minoranza. Speravamo che con il cambio di amministrazione, non più monolitico, i rapporti tra maggioranza e minoranza fossero improntati ad una "ventata di aria nuova" : così purtroppo non è stato e speriamo che in futuro le cose possano migliorare. I GRUPPI DELLA MINORANZA TROVERANNO FORME E MODI PER FARE CONOSCERE tutto quello che avrebbero voluto esporre in consiglio comunale e che per motivi suindicati non hanno potuto fare».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 agosto 2002
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.