Ponte di Cairate, in arrivo le soluzioni per il traffico

Il sindaco vieta il passaggio in paese del traffico pesante. Domani un incontro tra comuni, Provincia e Sogeiva per lo studio di viabilità alternative

Primo provvedimento del comune di Cairate per far fronte al traffico pesante che ha letteralmente invaso il paese dopo la chiusura del ponte. Chiusura che durerà cinque mesi e resa necessaria per effettuare i normali lavori di ristrutturazione e manutenzione a cui è periodicamente soggetta la struttura. 
In questa ultima settimana, da quando è stato chiuso il ponte, le uniche strade per attraversare la Valle Olona passano o da Fagnano  e Gorla o da Cairate e Lonate Ceppino. Ed è proprio quest’ultima strada che ha creato diversi disagi: spesso i camion si incrociano in salita e in discesa bloccando tutto il traffico veicolare. Inoltre, per poter raggiungere questa stretta via i camion passano dal centro di Cairate in Via Dante, Piazza Liberta e Mazzini. In queste zone sono totalmente assenti marciapiedi, è presente un asilo infantile con circa 120 bambini iscritti e vi sono la maggior parte delle attività commerciali del paese.
«Si è reso necessario adottare provvedimenti» spiega il sindaco Clara Fanton che ha emesso proprio questa mattina, martedì 6 agosto, un’ordinanza in cui viene vietata la circolazione di mezzi pesanti (superiori a 3,5 tonnellate a pieno carico) nel centro del paese. «Bisogna tenere conto che tutto il resto del traffico può invece passare – spiega il primo cittadino –
Ed è comunque un altissimo numero di veicoli».
Il divieto di passaggio per il traffico pesante entrerà in vigore appena sarà installata la segnaletica necessaria. I mezzi pesanti gireranno così intorno al paese. 
Per domani è invece in programma un incontro tra Amministrazione comunale, Provincia, Sogeiva e comuni limitrofi per lo studio di una segnaletica che parta dall’uscita dell’autostrada di Busto Arsizio, in maniera tale che i mezzi non arrivino a scoprire di non poter passare dal ponte solo quando si trovano la strada bloccata. La richiesta dei comuni sarà quindi quella di studiare delle deviazioni ad ampio raggio in modo che il traffico venga meglio distribuito. 


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 agosto 2002
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.