Rimane il mistero sull’identità della giovane ritrovata sulla superstrada

Confusa e stordita camminava lungo la superstrada. Gli agenti del commissariato stanno cercando di risalire alla sua identità

Ancora nessuna novità sulla storia della giovane soccorsa ieri mattina, verso le otto, mentre camminava lungo la 336 che conduce a Malpensa sotto la pioggia battente. Gli inquirenti non hanno fatto trapelare alcuna indiscrezione sulla sua identità e sul perché si trovasse sulla superstrada.
Era fradicia e addosso non aveva nessun documento. In completo stato confusionale non ha risposto  alle domande degli agenti della polizia stradale che hanno cercato di risalire alle sue generalità. 
È ricoverata nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Gallarate, dove i medici hanno valutato le sue condizioni sanitarie, giudicate abbastanza buone. Nessuna lesione o segno di aggressione, solo uno stato di stordimento. Solo dopo le prime cure dei sanitari ha cominciato a dire qualche parola, ma a tutte le domande degli agenti una sola risposta «Non ricordo nulla». 
La sua presenza lungo la superstrada della Malpensa, la 336, era stata segnalata da alcuni automobilisti. Gli agenti della polizia stradale di Magenta che si trovavano in pattuglia, l’hanno trovata all’altezza di Cardano al Campo. Lungo il bordo della carreggiata in direzione Busto Arsizio, la ragazza camminava in contromano. All’arrivo degli agenti che l’hanno fermata la giovane donna, di età compresa fra venti e venticinque anni, non era in grado di parlare e con l’ausilio di un mezzo della Croce Rossa  è stata portata all’ospedale di Gallarate.
Come si diceva la giovane non presenta nessun segno di aggressione e neppure un aspetto trascurato. Vestita in modo ordinato, aveva addosso un giaccone Barbour, sotto il quale portava un giubbino e un pantalone di jeans e delle scarpe di tela di colore beige. Della ragazza è stata fornita una breve descrizione fisica. Alta un metro e sessantacinque, esile e capelli castano mossi, occhi chiari, non possiede nessuna cicatrice, tatuaggio o segno particolare. 


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 agosto 2002
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.