Una nuova circonvallazione per la città, arrivano i soldi

Il Comune destina l'avanzo di bilancio per l'arteria che salverà il centro dal caos. Gara d'appalto entro breve

Milleottocento metri di tangenzialina che porteranno verso Malpensa auto e camion, togliendo dal centro un po’ di gas di scarico. Questo l’obiettivo della cosiddetta circonvallazione sud, l’opera che il Comune ha appena finanziato, destinandovi in questi giorni parte dell’avanzo di bilancio, accelerando così l’inizio dei lavori. 
Il tratto collegherà il ponte della Mornera con via Carlo Noè. La parte finale del ponte verrà leggermente rettificata con un terrapieno. La strada, che in alcuni punti raggiungerà la larghezza di 18 metri e prevederà la doppia carreggiata con aiuola spartitraffico nel mezzo, passerà da via Buonarroti, Largo Pasta, arriverà fino alla via Torino, via Leonardo da Vinci e infine si congiungerà a via Noè. Il disegno strategico è chiaro: andare a Malpensa, lasciando libero il Sempione e
l’asse viario Buonarroti-Ferrario.
Gallarate respira. Il progetto, realizzato da tre professionisti, Albo, Aliverti e Bernacchi è in fase definitiva, dopo che è stata completata la sua realizzazione preliminare.
Inizialmente previsto con l’accensione di mutuo, il finanziamento della circonvallazione verrà invece coperto con l’avanzo di bilancio. «Una scelta che abbiamo preso per accelerare i tempi e poter andare subito in gara d’appalto» spiega il sindaco Nicola Mucci. «In questo modo risparmiamo sui mutui e otteniamo anche l’impiego immediato di soldi che non avevamo potuto utilizzare prima» aggiunge l’assessore al bilancio Luca Carabelli.
Il primo lotto (Mornera-Leonardo da Vinci), quello coperto con l’avanzo di bilancio, costerà in totale 2 milioni e 127mila euro. Il secondo (Da Vinci-Via Noè), 867mila euro. Un terzo lotto (prolungamento via Noé), 498mila euro.
Per la città si tratta di un’opera molto importante, che stravolge la viabilità e le abitudini di vita di interi quartieri. La decisione di costruire in quel tratto nasce ovviamente da un piano viabilistico preciso, che imporrà però qualche sacrificio a tutti i cittadini residenti lungo le zone interessate. Basti pensare che subito dopo la Mornera il tracciato prevede il passaggio in mezzo a due condomini. 


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 agosto 2002
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.