A spagnoli e sloveni il liceo artistico spiega la città

Quarantadue alunni stranieri in visita al Candiani nell'ambito del progetto di interscambio "Comenius"

Busto e i suoi opifici, Busto e la sua tradizione industriale. Sono queste alcune delle immagini che gli studenti del liceo artistico “Paolo Candiani” di Busto Arsizio hanno deciso usare per spiegare e illustrare la loro città agli studenti stranieri che in questi giorni sono ospiti della scuola nell’ambito del progetto di interscambio “Comenius”. Sono arrivati lunedì scorso con alcuni insegnanti e sono in quarantadue, ospitati nelle case dei loro coetanei italiani. Slovacchi, polacchi, spagnoli, sloveni e anche alcuni italiani dal Lazio e dalla Calabria: è questo il nutrito gruppo che con la visita che durerà fino alla fine della settimana, rappresenta la continuazione di un programma di interscambio culturale che il liceo di via Manara ha iniziato l’anno scorso.
Ed è ricco il programma di iniziative che i docenti hanno organizzato per far conoscere ai giovani stranieri le bellezze di questo territorio, sia ambientali che culturali. Non mancano neppure i momenti ricreativi che vedranno questa sera. mercoledì 15 il gruppo teatrale dell’artistico impegnato in una rappresentazione dedicata agli ospiti e che si svolgerà nei padiglioni dell’edificio piazza Trento e Trieste.
Ma la settimana è iniziata lunedì, quando gi alunni provenienti per lo più da paesi dell’est, sono stati accolti dal preside, dai docenti e soprattutto dagli alunni partner in questo progetto. Agli ospiti è stata offerta la visione di una mostra realizzata dal liceo, nella quale i ragazzi hanno voluto offrire delle immagine che presentano Busto e il suo territorio. A farla da padrone nelle pannelli allestiti sono state così la tradizione industriale e gli opifici del territorio, il patrimonio di monumenti e quello pur ricco di abitazioni ed edifici antichi. Anche di quelli che purtroppo hanno le ore contate, come la storica sede della prima società bustese di mutuo soccorso, in via Cairoli.

Dopo un giro al Museo del Tessile e a Busto Arsizio, non mancano le gite fuori porta. Ieri sono stati a Milano e domani a Bergamo. La settimana si concluderà venerdì con un altro spettacolo in palestra. In tutte queste attività i giovani stranieri saranno accompagnati da quelli italiani che li ospitano nelle loro case. Come si diceva, con questa esperienza continua il progetto che l’anno scorso ha visto alcuni studenti del “Paolo Candiani” ospiti di una scuola alberghiera della Slovenia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.