«Cari amministratori, non applicate il condono»

Appello del segretario provinciale del Pdci Ennio Melandri. Si potrebbero invece rivedere le aliquote a favore dei più deboli

Un condono generalizzato nel prossimo bilancio comunale di Gallarate? «Non sarebbe equo» afferma il segretario provinciale del Pdci, Ennio Melandri, già consigliere comunale della città. Con una lettera indirizzata al sindaco Mucci, all’assessore al bilancio Luca Carabelli, e ai capigruppo, Melandri chiede alla giunta di contraddire la legge finanziaria recentemente votata dal centrodestra. Una richiesta non così strana, se si considera che lo stesso presidente regionale Formigoni, si è pubblicamente schierato, nei giorni corsi, contro i condoni fiscali.
«Il comune di Gallarate – scrive Melandri – è di fronte a una scelta politica: o fare una sanatoria dei disonesti o far proprio un principio di equità e moralità. Il bilancio comunale dovrà riflettere questa scelta».
Insomma, chi non ha pagato, negli scorsi anni, Ici e Tarsu, si trova oggi ad aspettare con ansia le decisioni dell’ente comunale.
Sulla carta, il comune ha varato da anni una vera e propria lotta contro l’evasione. Andrà avanti? Melandri ricorda infatti che già il bilancio del 2000 (giunta di centrodestra senza la Lega), prevedeva 1 miliardo e 400 milioni in più, nella voce delle entrate dalle evasioni. «Sarebbe assurdo – dice il segretario del partito di Cossutta – disconoscere il significato di questo impegno e appiattirsi su un’applicazione passiva della finanziaria, che oltretutto penalizza le entrate comunali».
La proposta di Melandri è ciara: inutile fare i tolleranti verso i furbi, ci vuole invece il massimo del rigore per potere aiutare chi ha davvero bisogno: «Se non si concedono condoni e si introita l’Ici evasa, si possono rivedere le aliquote e aumentare le detrazioni a favore delle fasce sociali più deboli e del pieno utilizzo delle case sfitte». Numerosi comuni, di diverso colore politico, hanno già intrapreso questa strada. Sarebbe, conclude Melandri, un segnale di civiltà.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 gennaio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.