Pronti i nuovi appartamenti-alloggio per anziani

Gavirate – A breve le assegnazioni degli undici posti disponibili per i residenti. Seicento mila euro l’importo impiegato per la ristrutturazione

Otto mini alloggi in un immobile in pieno centro e completamente ristrutturato verranno destinati agli anziani di Gavirate. Sono oramai terminati da tempo i lavori di restauro dei mini alloggi che sorgono nell’immobile della ex maternità di Gavirate, in quella sorta di “Cittadella dell’anziano” per dirla con le parole dell’assessore Marisa Reggiori, su cui il comune ha inteso investire. In tutto sono 14 le domande arrivate dagli anziani di Gavirate. E’ notizia di oggi l’inaugurazione che avverrà alla fine di questo mese, una volta che la commissione istituita in comune avrà vagliato le richieste e disposto le aggiudicazioni. Gli alloggi sono destinati agli anziani residenti a Gavirate da almeno due anni e con particolari requisiti di reddito. “Siamo soddisfatti del lavoro fatto dai servizi sociali alla vigilia di un traguardo importante – ha commentato l’assessore ai servizi sociali Reggiori. Si tratta di una vera e propria novità per Gavirate: a breve verrà inaugurata una struttura unica per il suo genere e solitamente presenti in centri di grandi e medie dimensioni e non in comunità relativamente piccole come quella di Gavirate”.
Questa sera, 14 gennaio, l’apposita commissione composta da esperti in materia sociale, medica e tecnica, unitamente ai soli funzionari dell’amministrazione comunale, valuterà la conformità delle richieste, rendendo verosimile il “trasloco” di almeno 11 anziani – questi sono difatti i posti letto disponibili – che si stabiliranno nelle rinnovate strutture.
Per la realizzazione dei lavori sono stati impiegati 600 mila euro che la Regione aveva messo a disposizione del comune, rimborsabili per l’importo di 50.000 euro l’anno.
“Oltre agli appartamenti – conclude l’assessore – l’opera ha un’importante valenza sociale visto che saranno a disposizione degli anziani anche spazi adibiti a ricreazione e un ambulatorio. Resta aperta l’ipotesi di destinare spazi presenti nella struttura come presidio di guardia medica”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 gennaio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.