«Sviluppo commerciale e ricreativo della ex Fornace necessario»

Il sindaco Candiani risponde alle recenti affermazioni del rappresentante locale dell’Associazione Commercianti

Riceviamo e pubblichiamo

Tanto rumore per nulla…, ovvero non si capisce l’agitazione che sta animando le dichiarazioni del rappresentante tradatese dell’associazione commercianti, Attilio Aimetti.
Il sindaco e l’amministrazione comunale sono sempre a disposizione di tutti, compreso il sig. Aimetti, per ogni spiegazione su ciò che riguarda la Città e tra pochi giorni sarà reso pubblico il grande progetto che è stato confezionato negli scorsi mesi, preliminare alla sistemazione del centro storico.
Il tema trattato dal sig. Aimetti non è certo una novità, come non è certo una novità l’impegno dell’amministrazione per il risanamento del centro storico e delle vecchie aree dismesse, compresa, quindi la fornace Cortellezzi che, solo se riconvertita ad uso commerciale e ricreativo, potrà tornare a dare il proprio positivo contributo allo sviluppo sociale ed economico di Tradate.
Prima di dedicarsi ad affermazioni impegnative e dai toni drammatici, come quelle attribuite al sig. Aimetti, sarebbe meglio tenere un atteggiamento più prudente, prendendosi magari il tempo per verificare la realtà dei fatti e compiendo valutazioni a tutto campo.
Nella convinzione, ovviamente, che ciascuno lavori per l’interesse di tutti i cittadini e dell’intera città.

Stefano Candiani
Sindaco di Tradate

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 gennaio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.