Università, strade e scuole, le priorità del 2003

L'assessore ai lavori pubblici Gianetti illustra i progetti in corso sottolineando anche l'importanza del trasloco temporaneo del Municipio

«Diciamo la verità e quello che abbiamo fatto finora lo dicono anche i documenti». Parole dell’assessore ai lavori pubblici Fausto Gianetti che questa mattina, martedì 14 gennaio, ha fatto il punto della situazione per quanto riguarda gli interventi in città nel 2003. 
Molti i punti importanti che saranno affrontati quest’anno. «Il primo è anche quello che molti non vedono – spiega Gianetti – Il trasloco del Comune. Spostare 200 persone al servizio dei cittadini creando i minori disagi possibili non è certo facile». Proprio in questi giorni sono terminati i lavori al secondo piano del Municipio e gli uffici che si erano trasferiti in via Stampa Soncino stanno tornando nella propria sede originaria. «I lavori di ristrutturazione proseguiranno al primo piano e gli uffici interessati, compresi i vigili, traslocheranno in via Stampa Soncino. Il tutto con pochissimi disagi per i saronnesi».

Altro argomento molto caro a Gianetti sono le scuole. «Oltre ai lavori in chiusura alla Aldo Moro e e alla San Giovanni Bosco, proseguiranno i lavori al Liceo Legnani, mentre dovremo rifare tutto l’impianto di riscaldamento alla vecchia Pizzigoni. Inoltre, vorremmo fare in modo che i présidi siano autonomi con le piccole manutenzioni stanziando una piccola somma che si possano gestire in proprio». 
Quest’anno inoltre, a ottobre o novembre, partiranno i corsi dell’Università dell’Insubria nell’ex Semionario: 3 aule da 120 posti, 3 laboratori da 40 posti e la biblioteca. Nell’ex seminario troverà anche sede la nuovissima sala consiliare (nella foto).
Sempre nel 2003, l’assessorato ai lavori pubblici, sta predisponendo il piano di interventi per le strade: «Dobbiamo capire dove serve maggiormente intervenire – spiega Gianetti – Comunque si tratta di interventi che superano i tre miliardi di vecchie lire». «Non bisogna inoltre dimenticare – sottolinea l’assessore – che spenderemo oltre 350 mila euro per rifare tutto l’impianto di riscaldamento delle case comunali. Intervento che sarà effettuato in due lotti». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 gennaio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.