Entro il 2005 la “Fabbrica della Solidarietà”

Nasce il comitato promotore per lo spostamento dello scatolificio gestito dalla Cooperativa Lavoro e Solidarietà

Con la costituzione del Comitato Promotore avvenuta qualche giorno fa, prende le mosse il progetto "Fabbrica della Solidarietà" con il quale la Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà, attiva a Saronno da vent’anni nel campo dell’inserimento sociale e lavorativo dei disabili psico-fisici, si propone di realizzare entro il 2005 una nuova sede moderna e funzionale.

La Cooperativa  che occupa attualmente circa 45 giovani disabili nella fabbrica di Via Montoli oltre ad altri  24 giovani nella parallela struttura formazione e assistenza sita in Via Biffi, sarà così in grado di razionalizzare le attività produttive (scatolificio e confezionamento per conto terzi) dando lavoro e accoglienza ad altri giovani disabili.

«Ambizione e missione originaria della nostra cooperativa  – sottolinea il Presidente Fondatore della CLS Pasqualino Cau – è il servizio alla persona disabile in tutte le sue dimensioni, da quella relazionale e sociale a quella lavorativa fino a porsi il problema del "dopo". Per svolgere al meglio queste attività per un numero sempre maggiore di ragazzi, abbiamo bisogno di una sede più ampia, moderna e funzionale e a tale scopo ci attiveremo nel prossimo futuro».

Sono in via di definizione le trattative con il Comune di Saronno per la concessione in diritto di superficie di un area già individuata di proprietà comunale sita nei pressi dell’attuale stabilimento dove sorgerà la nuova struttura che dovrebbe realizzare una superficie complessiva di circa 4 mila metri quadri su due piani per un costo di realizzazione che si aggirerà sui 2 milioni di euro.

Il Comitato Promotore affiancherà fino al compimento dell’opera la Cooperativa e l’Associazione Amici della Cooperativa nell’individuazione e realizzazione di iniziative volte a sensibilizzare l’opinione pubblica saronnese circa il progetto della CLS e a raccogliere i fondi necessari al completamento dell’opera.

Il Comitato Promotore è composto da:
Enzo Volontè, ingegnere (Presidente)
Massimo Beneggi, medico
Lucio Bergamaschi, imprenditore
Alessandro Cardelli, dirigente industriale
Luigi Cattaneo, imprenditore
Angela Ferrario in Proserpio, imprenditrice
Alfredo Mariotti, dirigente industriale
Giulio Piuri, imprenditore
Giuliano Salvioni, imprenditore
Luigi Sambrotta, commercialista 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.