Presi i pendolari della rapina

Varese - Avevano rapinato la Banca Regionale Europea nel febbraio scorso

Dopo accurate indagini la questura di Varese è riuscita a identificare i tre che, a volto scoperto, vestiti elegantemente e armati di taglierino, avevano rapinato lo scorso 13 febbraio l’agenzia di via Magenta della Banca Regionale Europea, portandosi via un bottino di circa 40.000 euro. Ora Roberto Mandala, 34 anni, originario e residente a Palermo, Giovanni Barone, 32 anni, originario anche lui del capoluogo siciliano ma residente a Milano, e Rocco Fiorillo , 37 anni siciliano trapiantato a Novara, sono in carcere. I tre, durante la rapina, avevano immobilizzato e poi rinchiuso nel caveau dell’istituto di credito i quattro dipendenti e i quattro clienti presenti in quel momento. A stupire, come hanno poi fatto notare i testimoni, è stato anche il modus operandi della banda: hanno agito con freddezza e professionalità, chiamandosi “collega” e dandosi del “lei” l’un l’altro. Il primo a essere catturato, alcuni giorni fa a Torino, grazie anche alla collaborazione della questura di Novara, è stato Mandala, ricercato pare anche per una rapina compiuta nel piemontese. Ieri invece sono stati bloccati gli altri due: Barone, all’aereoporto di Linate, mentre rientrava dalla Sicilia e Fiorillo nella sua abitazione novarese. Durante i fermi sono stati rinvenuti accessori e abbigliamento vario utilizzato per l’atto criminale. L’accusa per tutti è di rapina aggravata e sequestro di persona, mentre per Mandala e Barone pende anche l’incriminazione per possesso di armi improprie. Per gli inquirenti i tre hanno probabilmente operato insieme anche in altre rapine e stanno vagliando al riguardo altri casi simili avvenuti in provincia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 maggio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.