«Votate al referendum» Comitato per il si e radicali alleati

Al referendum voteranno si e no. Ma hanno un obiettivo comune: non delegittimare lo strumento referendario

«Che viva il referendum». È questo il motto lanciato da una insolita alleanza, siglata in occasione della consultazione referendaria in programma per il 15 giugno sull’estensione dell’articolo 18. Lunedì 19 a Busto Arsizio, il Comitato per il si cittadino, formato da Rifondazione Comunista, Fiom Cgil, SinCobas e Giovani Comunisti davanti ai giornalisti si è presentato con i Radicali Italiani e il suo rappresentante bustese Isidoro Chella. Idee diverse sul voto, ma un obiettivo comune c’è, quello di andare a votare. 
«Si tratta di una battaglia per la democrazia e con i radicali abbiamo voluto sottolineare questo aspetto – spiega Antonio Corrado di Rifondazione – se si invita all’astensionismo viene delegittimato uno strumento importante del nostro sistema democratico».
E così se da una parte sono state ribadite le ragioni del si, dall’altra Chella, ha spiegato perché i radicali voteranno no all’estensione dei diritti sull’articolo 18. «Questo referendum per noi rappresenta solo un passaggio per l’estensione dei diritti, dopo le aziende sotto i quindici dipendenti, Rifondazione preparerà un pacchetto che estende garanzie anche ai precari e ai co.co.co, per questo non condividiamo la posizione di Cofferati». 
E l’insolita alleanza ha anche inaugurato il nuovo spazio che l’amministrazione comunale ha designato per minoranze in consiglio comunale. Si tratta di un ufficio nella palazzina del comune dove sono stati dislocati gli uffici dell’assessore alla partecipazione Alessandro Marelli.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.