Varese News

Varese Laghi

Coltivatore di marijuana sorpreso da involontaria visita dei carabinieri

Biandronno – Indagano sui furti ma scoprono 6 chili di foglie di mariuana stese ad essiccare. Operaio arrestato per spaccio

Un sabato tranquillo per un operaio di trent’anni residente a Biandronno. O almeno così si prospettava. Quanto insomma può essere tranquillo qualcuno che sa di avere in casa 6 chili di piante di marijuana. E l’ultima cosa che vuole è trovarsi sull’uscio di casa tre solerti carabinieri che vegliano sulla tranquillità del quartiere.
Così da un normale controllo di routine ne è scaturita la sorpresa: un autentico tappeto di erba per tutta la casa e l’arresto per detenzione del giovane.
E’ successo ieri mattina: una pattuglia di tre carabinieri stava svolgendo un controllo nell’ambito di un’indagine scaturita da alcuni casi di furto avvenuti di recente nella zona. Si sono presentati in diverse abitazioni in cerca di eventuali informazioni utili. Finché non si sono imbattuti in quella porta. Al suono del campanello, l’uomo si è limitato a rispondere dall’interno osservando con trepidazione i militari dallo spioncino. Alle richieste pressanti, il giovane ha finalmente capitolato: i carabinieri si sono trovati di fronte un uomo nervoso, tremante.
Un sospetto, dapprima, poi la conferma “olfattiva”: un acre odore, inconfondibile.
Messi in allarme i carabinieri si sono fatti strada e a parte lo spinello acceso nell’abitazione dell’uomo hanno trovato un’intera piantagione di marijuana. Sei chili di foglie stese ad essiccare, sparsi per ogni angolo della casa.
Ai militari non è rimasto altro da fare che prendere il consegna e l’operaio portarlo in questura con l’accusa di detenzione di stupefacenti con fine di spaccio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 settembre 2003
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.