Arrestato a Malpensa narcotrafficante iraniano

Sul suo capo pendeva un mandato di cattura internazionale

Gli agenti dell’Ufficio frontiera della Polaria di Malpensa hanno arrestato un narcotrafficante iraniano, Husseini Massoud. L’uomo, 40 anni, è ricercato da quattro anni in Svezia e Norvegia per traffico internazionale di stupefacenti. 

Secondo le polizie di quei paesi, che gli fanno la caccia dal febbraio del 2000, Husseini, è uno dei grossi narcotrafficanti operanti nel Nord Europa, con connessioni in paesi come Pakistan, Somalia, Iran, e Nord Africa.

Gli agenti della Polaria lo hanno fermato dopo il suo sbarco a Malpensa, proveniente da Teheran, insospettiti dal fatto che l’uomo viaggiava senza bagaglio. Elegante e con al braccio una valigetta 24 ore, Husseini, che ha la doppia cittadinanza iraniana e norvegese, si è presentato in frontiera con un passaporto regolare. 

Quando l’agente gli ha chiesto dove era diretto e per quale motivo, ha risposto in maniera evasiva, destando i sospetti dei poliziotti, che lo hanno fermato per svolgere accertamenti sulla sua identità. I controlli hanno permesso di identificarlo come il "signore della droga" raggiunto da mandato di cattura internazionale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.