Cassano tenta di far quadrare il cerchio

L'assessore al Bilancio Alberto Bilardo presenta il bilancio comunale

Un bilancio comunale non semplice da rifinire, che tenta di non aumentare le tasse pur mantenendo un buon livello dei servizi assicurati dalla cittadinanza, è quanto presentato nel pomeriggio dall’assessore al Bilancio del Comune di Cassano Magnago, Alberto Bilardo – assente scusato il Sindaco Aldo Morniroli, bloccato nel traffico infernale dell’Autolaghi. Le criticità denunciate erano l’aumento delle spese per l’organico in seguito al nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro per la categoria e il divieto di imporre un’addizionale sull’IRPEF; di conseguenza, onde coprire il “buco” da 1,5 milioni di euro delle casse comunali, l’amministrazione ha provveduto ad alcune operazioni finanziarie – rinegoziazione di mutui – e alla riduzione del 5% delle spese generali per gli assessorati. Tali manovre, criticate dalla minoranza in Consiglio Comunale, hanno comunque fruttato 300.000 euro di risparmio, evitando l’innalzamento dell’ICI, attualmente al 5,7%, di un ulteriore punto percentuale. Le “dolenti note” per la cittadinanza si limitano ad un modesto aumento della tariffa per l’asilo nido, un’una tantum destinata alla creazione di un’anagrafe dei passi carrai cittadini e l’abolizione dello sgravio dell’ICI sulle seconde case intestate a parenti stretti, prima considerate come prime case. Tra il 2003 e il 2004 la spesa complessiva del Comune è rimasta pressoché invariata. La netta riduzione delle spese per il settore ambiente è dovuta al fatto che da quest’anno le spese per l’acquedotto, una voce assai considerevole, sono equamente ripartite con Gallarate. I lavori previsti creeranno il “bosco di città” nella zona del Rile, adegueranno e ristruttureranno le scuole materne,il Municipio (con il trasferimento della sala consiliare a Villa Oliva) e la scuola elementare Parini. Sono inoltre messe a bilancio asfaltature, creazione di parcheggi, rifacimento fognature, opere di sistemazione idraulica e del cimitero, e ancora interventi su segnaletica e illuminazione, nuove dotazioni di personal computer per le strutture amministrative e spese minori per la Polizia locale di recente istituzione. L’obiettivo resta quello di mantenere il livello dei servizi riducendo il prelievo dalle tasche dei cittadini, la dura realtà (Pas d’argent, pas de Suisses, dice il proverbio) dice che il mantenimento dei servizi impedisce ogni concreta detassazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.