«Dopo dieci anni siamo costretti ad aumentare Ici e Tarsu»

Per l'Amministrazione la decisione è dovuta alla diminuzione dei trasferimenti dallo Stato e all'introduzione della raccolta differenziata

«È dal 1993 che non aumentiamo le tasse comunali. Ma adesso siamo costretti». Il sindaco Stefano Candiani spiega le decisioni che la Giunta sta prendendo in questi giorni in Municipio, dove si sta completando il bilancio di previsione nel quale saranno inseriti sia aumenti per la Tariffa sui rifiuti solidi urbani (Tarsu) sia per l’Imposta comunale sugli immobili (Ici).
«Stiamo avviando i progetti che cambieranno il volto alla città e un sacrificio è richiesto a tutti – spiega Candiani -, ma i motivi sono anche altri. Come il taglio di 150 mila euro dei trasferimenti che normalmente lo Stato versava al Comune di Tradate. Oppure l’introduzione della raccolta differenziata che porta sì un beneficio per l’ambiente, ma che comporta anche maggiori costi. La spazzatura deve pagarsi da sola».
«È un illusione pensare che con la raccolta differenziata dell’umido si possano avere benefici economici nell’immediato – spiega il primo cittadino -. La raccolta porta a porta della frazione umida dei rifiuti sta dando risultati sorprendenti e ne siamo felici. Ma questo comporta maggiori costi i cui benefici si vedranno con il tempo. Non abbiamo ancora quantificato l’aumento».
Stesso discorso per i proprietari immobili, ma dovrebbero essere colpiti solo quelli che possiedono una seconda casa. «Anche qui non abbiamo ancora definito, ma il nostro obiettivo sarebbe quello di aumentare solo l’imposta sulla seconda casa – conclude il sindaco -. Bisogna comunque sottolineare che queste tasse erano bloccate di oltre dieci anni».  


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.