Il Varesotto? «Terra con senso di legalità»

Il commento di Marco Reguzzoni in merito ai recenti fatti di crionaca che hanno portato i riflettori entro i confini della provincia

Prima i furti a Malpensa, poi la droga in università. C’è del marcio in Danimarca? Varese e la sua provincia sono una terra di nessuno in mano ad ogni sorta di fenomeno illegale? No, non è così secondo il presidente della Provincia di Varese Marco Reguzzoni che in una nota ha spiegato la sua piosizione in merito alle cronache che ahnno riempito in questi giorni le prime pagine ei gironali. «Nel Varesotto c’è un diffuso senso comune della legalità. Procure attente e forze dell’ordine capaci di svolgere il loro lavoro – commenta Reguzzoni. Una consapevolezza di legalità che fa sì che ci si aspetti che nel territorio le leggi siano fatte rispettare anche per quei reati che hanno un minore impatto sociale».
E questa consapevolezza di legalità traspare, secondo Reguzzoni, proprio dal senso di responsabilità dei cittadini.

«La collaborazione dimostrata dai vertici Sea con gli inquirenti e, oggi, dalla Liuc nella ricerca di eventuali smagliature, dimostra esattamente che il territorio si difende anche in questo modo. Il fatto che queste notizie siano di pubblico dominio sono la dimostrazione che la società ha gli anticorpi per difendersi. Certo, al di là del clamore suscitato dalla notizia».
Il vero cavallo di battaglia, risiederebbe comunque nella prevenzione. «Sarebbe gran buona cosa che si mettesse anche l’accento proprio sul senso di legalità diffuso in provincia di Varese – continua Reguzzoni. Una legalità che trova conferma anche nel basso numero di reati che, rispetto ad altri territori, vengono commessi nel Varesotto. Una legalità che viene difesa con la prevenzione. Perché – e ha ragione il procuratore Pizzi quando difende questo concetto ai microfoni della Rai – non solo a Malpensa si è rubato, così come, stando a quanto pubblicano i giornali, non solo alla Liuc ci sono studenti in odore di droga. Il fatto è che, a Castellanza come a Malpensa, come nel resto della nostra provincia, la prevenzione e l’attenzione delle forze dell’ordine c’è: ed è un’attenzione condivisa dalla stragrande maggioranza del corpo sociale».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.