No al decreto salva-calcio, la maggioranza si spacca

Varese – Il documento presentato dai Ds firmato da ventun consiglieri. La Lega lo sottoscrive, An e Forza Italia no

Con un ordine del giorno firmato da ventun consiglieri, il Consiglio comunale di Varese ha raccomandato al Governo centrale di non approvare il decreto di aiuto alle società di calcio o comunque di condizionarne l’approvazione ad un gesto di responsabilità da parte delle società stesse, come la riduzione degli stipendi di calciatori e dirigenti.
L’Odg, presentato dal gruppo dei Ds, è stato votato da tutta l’opposizione a cui si sono aggiunti la Lega nord ed il Presidente del Consiglio comunale Sergio Ghiringhelli.
«Ancora una volta la maggioranza si è spaccata – ha commentato il diessino Fabrizio Mirabelli -. An e Forza Italia hanno deciso di non firmare il documento che avevamo preparato e fatto girare tra i banchi in consiglio comunale, mentre la Lega ha dato la propria adesione senza muovere obiezioni. Nessuno ha nulla da dire sulla necessità di aiutare il calcio ad uscire dalla crisi in cui versa ma ci pare evidente che esistano delle priorità. Sanità e servizi sociali sono penalizzati anche a livello comunale ci sembra assurdo che il governo destini milioni di euro alle squadre di calcio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.