Rapina a mano armata in due farmacie

Ad operare pare siano state bande diverse. Bottino da due mila euro

Due farmacie rapinate in poche ore, una con un fucile a canne mozze. È accaduto nel pomeriggio di ieri a Lonate Pozzolo e a Oggiona Santo Stefano. 
La prima rapina è avvenuta alle 16 quando un uomo con il volto coperto da un passamontagna e armato di cacciavite, ha minacciato il farmacista, costringendolo a consegnare circa 180 euro. Il rapinatore è poi fuggito a bordo di un’auto di piccola cilindrata, probabilmente guidata da un complice.
La seconda rapina è avvenuta poche ore dopo, alle 19 a Oggiona. Due persone, sempre con il volto coperto da un passamontagna, sono entrate nella farmacia armate di un coltello e di un fucile a canne mozze. I due hanno così costretto la farmacista a consegnare 1.800 euro in contanti e si sono dati alla fuga a bordo di un’auto.
Secondo le prime indagini delle forze dell’ordine a compiere le due rapine non sarebbe stata la stessa banda. Ad aver usato una metodologia familiare sarebbero state le due persone della rapina a Oggiona in quanto, nei giorni scorsi, sono state compiute diverse rapine sempre con un fucile a canne mozze.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.