Sbarre alzate mentre arriva il treno: paura sui binari

Un disguido nel sistema che regola l'apertura. Fnme: nessun pericolo corso, il convoglio rispettava le procedure

La macchina che regola il sollevamento delle sbarre è difettosa e un automobilista si trova in mezzo alle rotaie con un treno che sopraggiunge. E’ accaduto lunedì sera alle 19 alla stazione di Vedano Olona. Attimi di paura, gli altri automobilisti segnalano con il clacson, il treno rallenta, la vettura si toglie dai binari; principale imputato il nuovo sistema di azionamento delle sbarre, entrato in funzione ai primi del mese, che ha sostituito l’argano manuale azionato dal ferroviere. 
(foto: la stazione ferroviaria di Vedano Olona)

L’automobilista "scampato" alla collisione ha segnalato l’episodio alla Polizia municipale del paese. Nella segnalazione pervenuta al comandante, Alberto Dereani, l’uomo racconta l’episodio, specificando che qualche istante prima era giunto in stazione, distante pochi metri dalla barriera, un altro treno. Il sistema, regolato da Malnate, ha però disposto l’apertura delle sbarre nonostante stesse sopraggiungendo un diretto da Milano: l’uomo è avanzato ma ha visto a una distanza di 100 metri il convoglio. La versione del cittadino vedanese protagonista della brutta avventura, per fortuna senza alcuna conseguenza, è confermata dalle stesse Ferrovie Nord Milano. Effettivamente, il nuovo sistema di azionamento delle sbarre ha avuto un problema; i tecnici dell’azienda, come comunicato anche alla Polizia municipale in risposta a una specifica richiesta di chiarimenti, stanno in questi giorni svolgendo una serie di controlli per evitare altri episodi di questo tipo. Secondo le Fnme il disguido di lunedì era però a rischio zero, grazie alle normali procedure di sicurezza; il macchinista del treno Milano Varese già sapeva che all’altezza della stazione di Vedano Olona avrebbe potuto trovare un ostacolo. Circa un chilometro prima della stazione, il convoglio si era fermato a un semaforo che segnalava un "rosso permissivo". Significa cioè che il treno è stato obbligato a stoppare per tre minuti e poi a ripartire con marcia a vista – circa 30 chilometri l’ora – con l’obbligo di suonare il "clacson". Per questo, e non perchè ci fosse un effettivo pericolo, gli automobilisti hanno udito il treno azionare la sirena, particolare che ha spaventato molti testimoni, facendo pensare al peggio. Resta però il fatto che è forse la prima volta da anni che nella linea delle Nord si segnala un passaggio di treno a sbarre aperte. A Vedano Olona, stazione in cui fermano i treni locali, fino a marzo, il sollevamento della sbarra era effettuato manualmente. Oggi, la stazione è presidata dalle 6 e 20 fino alle 15, orario in cui il bigliettaio finisce il turno. Il sistema ha certo i suoi vantaggi: permette ad esempio di risparmiare tempo e diminuire le code di auto. Ma deve funzionare alla perfezione, altrimenti può essere rischioso. La Polizia Municipale ha perciò richiesto alle Ferrovie Nord una verifica molto attenta del passaggio a livello.


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.