“100 Strade per Giocare” sotto la pioggia

La manifestazione di Legambiente per i bambini va in porto nonostante il tempo capriccioso

Prima, un bel sole caldo; poi, all’improvviso, nuvolini neri, un ventoo tagliente ae acqua a catinelle; infine, di nuovo sole e tepore. E’ stato un pomeriggio tribolato quello di "100 Strade per Giocare", la maifestazione organizzata dal Circolo Legambiente Busto Arsizio per i bambini, con la chiusura al traffico di Corso Europa. "In realtà" ci dice Michele Giavini, a capo dell’organizzazione dell’evento, "per la prima volta quest’anno il Comune, che patrocina l’iniziativa, ci ha concesso anche parte di via Montebello e di via Bramante, visto il successo degli scorsi anni. A Varese la manifestazione si tiene per il secondo anno, qui a Busto siamo già all’ottavo. Un ringraziamento particolare va ai Saltafoss, che si sono esibiti gratuitamente". Hanno partecipato a "100 Strade per Giocare", oltre ovviamente ai protagonisti designati, i bambini, l’associazione il Rovo, che ha ideato "giochi di strada" affollati di piccini; i Saltafoss (www.saltafossteam.it), che si sono esibiti in ardite evoluzioni con i rollerblade (pattini in linea), continando sotto i portici mentre pioveva; il Budokan, eccellente palestra di Karate tradizionale, fucina di campioni nazionali ed internazionali, che ha organizzato una dimostrazione dei suoi allievi preagonisti in spazi limitatissimi, sotto il porticato (sempre a causa della pioggia!); infine Donato Marinello, che realizza con materiali "poveri" e di recupero "giochi di una volta" (automobiline a spinta, trampoli, ecc.) Da notare che al termine della dimostrazione "indoor" del Budokan Giove Pluvio, forse spaventato dai "kiai" dei ragazzini, ha battuto in ritirato, e il sole e i bambini sono tornati a regnare in Corso Europa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.