500mila euro per la costruzione della “residenza dei disabili”

Il Ministero delle politiche sociali ha detto sì al finanziamento

Cinquecento mila euro per la residenza alloggio per disabili. È il finanziamento stanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali per la struttura che nel 2005 dovrebbe essere completata in centro Saronno. La richiesta era stata avanzata dal Comune nel 2003, anno del disabile, e questa mattina è arrivata in Municipio la risposta positiva dal Ministero: il progetto rientra nell’ottica dei progetti sperimentali dedicati ai disabili.

Perché sperimentale? Si tratta di una residenza alloggio di con dieci posti letto che sorgerà vicino a quello che sarà il secondo centro socio educativo (Cse) della città, un centro diurno per disabili con una capacità di 30 posti. A Saronno esiste già un Cse in via Parini, che funziona a pieno regime, ma l’Amministrazione comunale e l’associazione di volontariato Saronno Point da anni stanno lavorando perchè il progetto del nuovo Cse e della residenza alloggio vada in porto. 
Si tratterebbe di dare vita a una struttura, una delle prime concepite in questa maniera, che possa accogliere i disabili durante il giorno (il Cse) e che possa anche offrire assistenza notturna per alcuni di essi (residenza alloggio). Il tutto nello stesso posto, su un terreno oggi di proprietà comunale, situato proprio dietro le Poste.

Quasi 500 mila euro (per la precisione 492 mila) sono stati stanziati dal Ministero per la residenza alloggio, i cui lavori sono iniziati lo scorso dicembre. La costruzione dovrebbe terminare nel 2005, poi ci sarà l’arredamento e le rifiniture prima dell’apertura. In un secondo tempo, sarà realizzata anche la parte della struttura che prevede il centro socio educativo. 
La realizzazione di tutto ciò è stato portato avanti dall’amministrazione comunale con la collaborazione della Saronno Point, associazione che da anni realizza iniziative sul territorio per raccogliere i fondi a favore della struttura. Tanto che fino ad oggi, i volontari sono riusciti a pagare gran parte della progettazione della struttura. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.