Aziende del Saronnese, fatturato e occupazione in calo

Presentati i risultati dell'Osservatorio economico della Compagnia delle opere. Le aziende chiedono soluzioni per il problema della viabilità

Il fatturato perde l’1,4 per cento e l’occupazione cala del 2,9 per cento. Sono i primi, non confortanti, risultati della seconda rilevazione effettuata dall’Osservatorio Econiomico del Saronnese. Analisi riferita all’ultimo trimestre del 2003 che tocca un centinaio di aziende locali. 
L’osservatorio, costituito dalla Compagnia delle Opere di Saronno per fornire trimestralmente una “fotografia” accurata del trend economico locale, tiene conto di un bacino di 15 paesi limitrofi per un totale di oltre 140 mila abitanti. (nella foto da sinistra: il direttore Paolo Gozzoli, il presidente Giuliano Salvioni e il vicepresidente Matteo Telaro)

I dati resi noti oggi riguardano la seconda rilevazione effettuata dall’osservatorio. I dati della prima vennero resi noti nel dicembre del 2003. Rispetto ad allora vi è un calo significativo in tutti e tre i settori analizzati: il fatturato (calato dell’1,4 per cento rispetto al trimestre precedente), l’occupazione (meno 2,9 per cento rispetto all’ultimo trimestre del 2002), la previsione sul breve periodo (maggiore prudenza da parte delle aziende: la ripresa potrebbe esserci non più nel primo trimestre del 2004 come evidenziato dalla precedente analisi, ma potrebbe spostarsi nel secondo trimestre).

In questa seconda rilevazione è stata formulata alle imprese anche una nuova domanda: tenendo conto che l’appuntamento con le elezioni amministrative del prossimo giugno porrà sotto i riflettori anche Saronno, è stato chiesto alle aziende quali siano, a loro parere, le aree su cui l’Ente Pubblico dovrebbe agire per favorire lo sviluppo.

 

Il 40 per cento ha risposto la viabilità, il 23 la formazione del personale, il 19 ha risposto la facilitazione dell’incontro tra domanda e offerta di lavoro, il 18 per cento ha pensato a migliorare i parcheggi.

«I dati emersi da questa seconda rilevazione sembrano indicare che per assistere alla ripresa non saranno sufficienti i primissimi mesi del 2004, ma si dovrà attendere almeno la metà dell’anno – spiega Matteo Telaro, Vice Presidente Compagnia delle Opere Saronno -. E rispetto a questa situazione che stenta a mostrare una ripartenza, riteniamo particolarmente significative le indicazioni rivolte dalle aziende all’Ente Pubblico perché rappresentano problematiche concrete che chiedono un confronto costruttivo e serio per lo sviluppo reale del nostro territorio. Quindi, da oggi all’appuntamento elettorale, come Compagnia delle Opere Saronno lavoreremo per incontrare personalmente tutti gli attori politici ed istituzionali locali mettendo a tema un impegno comune a partire da quanto concretamente emerso dall’Osservatorio. E, come sempre, non delegando la soluzione dei problemi alla politica ma cominciando da un’opera quotidiana che è innanzitutto nostra e finalizzata al bene comune».

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.