«Bossi è cosciente»

Varese – Dopo tre settimane di voci contraddittorie arriva il primo bollettino medico ufficiale

«Il ministro Bossi risulta cosciente, in grado di muovere finalisticamente gli arti di destra e di rispondere a ordini anche complessi, di riconoscere i familiari». Sono le prime dichiarazioni ufficiali sullo stato di salute del ministro Umberto Bossi, ancora ricoverato dall’11 marzo presso l’ospedale di Circolo di Varese. La nota medica arriva a metà pomeriggio a firma del direttore sanitario Stefano Zenoni. E sono notizie rassicuranti che confermano, nella ridda di voci degli ultimi giorni, l’ottimismo espresso dagli uomini più vicini al Senatùr. Il bollettino è stato emesso proprio per porre freni alle ipotesi più disparate sulle condizioni di salute del paziente illustre: «Preventivamente acquisito il consenso della famiglia – scrive Zenoni – al fine di contribuire alla necessaria chiarezza, superando voci/informazioni discrepanti/contraddittorie, attribuite alla direzione aziendale».
Dunque Bossi sta meglio. E’ cosciente ed è capace di muoversi autonomamente. Le minacce di danni cerebrali permanenti sono allontanate anche se iI bollettino rimane in parte prudente: «motilità provocata presente anche alla gamba sinistra e in minor misura al braccio sinistro».
Il paziente naturalmente rimane sotto stretta osservazione in quanto «sono in corso fisiochinesiterapia motoria e respiratoria, nonché lo svezzamento dell’assistenza ventilatoria».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.