Cinquemila tonnellate di rifiuti campani in Lombardia

Ma l'assessore Pintus rassicura: «Nessun rischio che arrivino in provincia di Varese». La Lega «Pronti ad incatenarci»

Nessun rischio rifiuti per la Provincia di Varese. All’indomani delle decisione ufficiale da parte del Pirellone che 5mila tonnellate di rifiuti campani verranno smaltiti in Lombardia, l’assessore all’ambiente di Villa Recalcati Francesco Pintus ribadisce: «Nella discarica di Gorla non ci sono possibilità di far confluire altri rifiuti». La Regione Lombardia si unisce dunque altre otto regioni che hanno manifestato la propria disponibilità ad alleviare la tensione rifiuti campana. Ma la decisione ha scatenato immediatamente reazioni negative: opposizione, la più intransigente, è quella promessa dalla Lega Nord: «Si è tradotto in realtà il nostro timore  – si legge in una nota diramata dalla segreteria regionale della Lega – che il nostro territorio venga considerato la pattumiera di chi non vuole porsi seri processi di programmazione che possano portare all’autosufficienza in materia di rifiuti». Le critiche sono legate all’incapacità degli impianti lombardi individuati di smaltire ingenti quantitativi di materiale. E’ una mobilitazione di massa quella che chiedono i leghisti: per impedire ai camion carichi di raggiungere gli impianti.  «Già da domani i nostri consiglieri regionali presidieranno le località pronti a respingere questo ulteriore gesto di colonialismo incatenandosi agli ingressi». Una minaccia che lo stesso Pintus ribadisce. «Il vero problema è generale – continua però l’assessore – l’Italia è sotto sanzione UE perché non completa il piano dei rifiuti ma per portarlo a termine mancano ancora le direttive. In ogni caso la situazione lombarda non ha nulla a che vedere con quella campana. Ma non risolveremmo nulla portando qui i rifiuti. A breve si verificherà la stessa emergenza». 
La "solidarietà" delle regioni, non è gratis. Il governo ha stanziato 15milioni di euro per risolvere il problema; una cifra che andrà ripartita tra tutte le regioni interessate allo smaltimento.
«Ma – conclude Pintus – anche la Lombardia ha difficoltà a smaltire. Discariche non se ne possono più costruire, gli impianti di smaltimento sono pochi». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.