Ediltek: le ultime tecnologie dal mondo dell’edilizia

A Malpensafiere si apre la quinta edizione della fiera dell'edilizia, fra marmi e supertecnologia

A tagliare il nastro d’inaugurazione della Ediltek ci pensano orgogliosi il sindaco di Busto Arsizio Luigi Rosa e il presidente di Malpensafiere Romeo Mazzucchelli. In effetti, questa quinta edizione della Ediltek a Malpensafiere che si terrà da oggi 22 aprile fino al 25, di motivi di orgoglio ne da parecchi, in particolare a chi si sta impegnando per un rilancio di Busto a livello sia provinciale che regionale. 
(foto: Romeo Mazzucchelli, presidente di Malpensafiere)

L’esposizione di macchine e attrezzature per i cantieri inizia già appena sul piazzale esterno, varcati i cancelli. Tutti modelli di ultima generazione, che, in linea con le ultime tecnologie nei più disparati settori, sono sempre più maneggevoli e di dimensioni ridotte. Una volta entrati, i padiglioni A, B e C sono occupati da più di centocinquanta espositori giunti per lo più dalla provincia di Varese, ma anche da tutta la Lombardia, dando vita a una rassegna direttamente collegata all’imprenditoria del nostro territorio, ma di rilevanza anche nazionale. Infatti, come ci spiega l’organizzatore Giorgio Piccaia, la Fiera dell’edilizia si è notevolmente ingrandita in questi cinque anni, ottenendo per ben due anni di seguito la qualifica di "Fiera Regionale". Distribuiti fra i tre padiglioni, oltre ad altri macchinari inseriti nel settore del movimento terra, i vari stand sono dedicati ai materiali edili, agli impianti di riscaldamento, idraulici e di irrigazione, ma la vera novità è quella offerta dalla nuova "casa tecnolgica", che unisce utile e dilettevole. Molti stand sono dedicati esclusivamente al miglioramento e abbellimento della casa, quindi si spazia fra modernissimi sistemi di allarme, a supertecnologiche piscine e saune, passando per lo stand che offre arredamenti in cristallo. La fiera, dice ancora Giorgio Piccaia, è però principalmente dedicata ad operatori e non alle famiglie: non è una selezione all’entrata, ma l’obiettivo degli espositori è quello di promuovere sul mercato queste nuovissime tecnologie, a cui ancora gli stessi operatori devono avvicinarsi. Anche i vari convegni organizzati in questi quattro giorni, si incentrano principalmente sulla nuova bioedilizia, sulle più recenti tecnologie in campo edile e sulle ultime normative  nazionali ed europee. È al futuro quindi che si guarda. E soprattutto a quello di Busto. A questo proposito, suonano piene di fiducia le parole del Presidente Mazzucchelli, che ritiene debba essere un onore per Busto essere la sede di questo moderno polo fieristico e auspica un futuro segnato da un continuo sviluppo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.