Il Comune dichiara guerra ai chewingum

Ordinanza del comandante dei vigili per tutelare la pulizia delle strade

Chewingum, mozziconi di sigaretta e olio dei motori. Il comune di Varese dice "basta!". Su indicazioni del sindaco, Aldo Fumagalli, il comandante della Polizia locale di Varese ha firmato un’ordinanza per la "tutela delle pavimentazioni stradali costruite con materiali pregiati e del decoro urbano". 
Nel suo testo si legge che "a salvaguardia dell’ambiente nonché a tutela del decoro del centro urbano ed in particolare nelle aree delle zone pedonali e di quelle a traffico limitato, è vietato: lordare il suolo pubblico con sostanze che comportino il danneggiamento della pavimentazione, quali liquidi oleosi compresi quelli che potrebbero disperdere i motori dei veicoli, nonché acidi, vernici, cartacce, mozziconi di sigarette, chewingum e rifiuti vari". Viene inoltre proibito imbrattare fontane, panchine, cancellate, monumenti ecc.. insomma tutto quello che fa parte dell’arredo urbano.
Le conseguenze? Varese diventa severa con i maleducati. Multe da 55 a 330 euro. Nel caso in cui la violazione venga immediatamente contestata al trasgressore, oltre al pagamento della sanzione, lo stesso dovrà provvedere al ripristino delle condizioni originarie. E se si rifiuta? Non c’è problema: l’amministrazione potrà dar corso ad intervento sostitutivo ma a spese dell’inadempiente.
"Siamo partiti dall’area pedonale- spiega Fumagalli – ma contiamo di estendere il divieto con sanzioni pesanti a tutto il territorio cittadino". Il Comune si rivolge direttamente alla civiltà dei cittadini. "Non si possono ridurre le strade a una pattumiera a cielo aperto" conclude il sindaco.
L’ordinanza, che richiama l’articolo 39 del Regolamento di Polizia Urbana che prevede il danneggiamento e l’ imbrattamento del suolo pubblico, si riferisce a un decreto legislativo che ha stabilito il minimo e il massimo delle sanzioni per le violazioni alle disposizioni comunali e provinciali. Tutto a norma di legge quindi. Il cittadino incivile potrà sorridere davanti a questa novità, ma la multa la dovrà pagare lo stesso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.