Luce, gas e telefono. Rottura tra Comune ed enti gestori

Enel, Enel Gas e Telecom non intendono rifare gli impianti della città, mentre l'amministrazione sta spendendo milioni di euro per rifare le strade

Enel, Enel Gas e Telecom hanno deciso di non contribuire al rifacimento della città, alla rivoluzione dei prossimi anni che porterà la città a cambiare volto con i numerosi progetti per il rinnovo dei centri storici di Tradate e Abbiate Guazzone. Progetti per la cui realizzazione il Comune spenderà nei prossimi anni quasi 11 milioni di euro. 
A comunicarlo all’amministrazione comunale sarebbero stati i rappresentanti delle tre società che si sono recati questa mattina in Municipio a Tradate per la conferenza dei servizi dedicata alla pianificazione degli interventi per il conferimento dei primi interventi nelle strade della città.

«Dal 2002 abbiamo inviato a queste tre società numerose lettere per chiedere di mettere in previsione il rifacimento dei cavi stesi per le strade della città – spiega il sindaco Stefano Candiani -. Non abbiamo mai ricevuto una risposta e adesso che stiamo stendendo una programmazione degli interventi, con l’assegnazione degli appalti, ci sono venuti a dire che non hanno soldi per eseguire i lavori e che non hanno previsto nulla a bilancio». 

«Abbiamo subito chiesto un incontro con i dirigenti – prosegue il primo cittadino -. Non abbiamo alcuna intenzione di farci prendere per il naso. Adesso questi enti devono dare segno di una maggiore consapevolezza nei confronti di una città che deve rinnovarsi. Il rischio è che eseguiamo lavori per una nuova faccia di Tradate, ma che sottoterra vi siano impianti ormai vecchi. La nostra parte per rinnovare la città la stiamo facendo, ma i cittadini devono sapere di chi è la responsabilità di un lavoro di questo tipo se si dovesse andare in questa direzione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.