Margherita: dodici proposte per gli anziani in Lombardia

Sono state presentate dal consigliere Adamoli: facilitazioni economiche, iniziative sociali e una festa dedicata ai nonni

Il gruppo della Margherita in regione Lombardia ha presentato dodici proposte per sostenere gli anziani della Regione. Tali proposte dovrebbe essere discusse in un prossimo Consiglio regionale. «La mozione  – spiega il consigliere Giuseppe Adamoli – parte non solo dalla constatazione del progressivo invecchiamento della popolazione, ma anche dall’idea che il grado di civiltà di una società si misuri dalla capacità con cui questa riesce a prendersi cura delle fasce più deboli». 
Ecco nel dettaglio le proposte: 
 – aumento del voucher per i non autosufficienti: i circa 600 euro mensili erogati oggi sono infatti assolutamente insufficienti; 
– approvazione della legge sui non autosufficienti sulla base delle indicazioni offerte dalle iniziative popolari. 
– abolizione del ticket per i malati cronici. 
– abolizione dell’addizionale regionale per le famiglie che hanno un anziano in casa. 
– ripristino delle tessere di libera circolazione per gli invalidi non totali. 
– aumento degli stanziamenti per l’assistenza domiciliare integrata. 
– ripresa vigorosa della politica delle Aler, garantendo a tutti gli anziani bisognosi un’abitazione a prezzo calmierato. 
– un intervento deciso sul costo della vita e sulla Borsa della spesa con interventi precisi e concordati con i Comuni. 
– sostegno economico delle associazioni di volontariato che seguono gli anziani. 
– promozione del servizio civile degli anziani coinvolgendoli in iniziative per la salvaguardia delle bellezze artistiche della nostra Regione. 
– sostegno, tramite apposita legislazione, delle esperienze di portierato sociale. 
– istituire, finalmente, una festa dedicata alle nonne e a i nonni.

«L’ultima proposta  – conclude Adamoli – riprende quella analoga formulata da Formigoni, che ha indicato come data il 2 ottobre, festa degli angeli custodi. A parte che la tradizione cattolica ha già una giornata dedicata ai nonni, ossia il 26 luglio, mi sembra che una celebrazione per gli anziani possa acquistare senso solo dopo un complessivo percorso di tutela e di cura. Sono convinto che il Consiglio regionale della Lombardia saprà valorizzare le nostre proposte, riconoscendo in questa mozione un cammino concreto per la cura della persona».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.