Nuovo polo fieristico Rho-Pero, 341 milioni di euro per la viabilità

Iniziati i cantieri che rivoluzioneranno l'alto milanese. I lavori dovrebbero terminare nel 2006

 Hanno preso il via, dopo anni di lavoro e di confronto fra tutti i soggetti interessati, i cantieri delle opere di accessibilità viabilistica al Polo fieristico di Rho-Pero. Dall’inizio dell’anno si sono infatti avviati i lavori dei tre lotti di competenza delle concessionarie autostradali: Autostrade per l’Italia a febbraio 2004, SATAP a marzo 2004 e Milano-Mare il 20 aprile 2004. 
«L’importante risultato – ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Massimo Corsaro – è stato possibile solo grazie al concreto impegno di tutti gli operatori per superare le innumerevoli problematiche che un intervento infrastrutturale di tale portata inevitabilmente comporta. Si tratta infatti di un sistema di opere che ha dovuto, e deve tutt’ora, quotidianamente dialogare con tutte le infrastrutture afferenti al nuovo Polo espositivo, dai padiglioni fieristici, alla metropolitana, dalla nuova fermata ferroviaria alla linea ad alta capacità, alla regimazione dell’ex fontanile Cagnola, al fine di risolvere prontamente tutte le interferenze che di volta in volta si vengono a creare. Non solo, la complessità e la numerosità dei soggetti coinvolti ha reso necessario una costante attività di concertazione e confronto tra tutti gli Enti al fine di snellire e concludere in tempi brevi le diverse procedure di approvazione e autorizzazione connesse all’intervento». 

Grazie alla collaborazione tra Regione e Provincia di Milano si sono acquisite, nonostante le difficoltà ingenerate da ricorsi ed opposizioni, la totalità delle aree oggetto di esproprio per il quale la Regione ha anticipato le risorse. Tra i momenti più significativi va ricordata la rapidità con la quale si è espletata, a livello regionale, la procedura della Conferenza dei Servizi sul progetto definitivo delle opere di accessibilità al Polo fieristico. Questo anticipo ha permesso al CIPE di approvare il progetto nel giugno scorso, a tempo di record. «Dopo troppe polemiche, sovente strumentali – ha detto Dario Vermi, Vicepresidente e assessore ai Trasporti e Viabilità della Provincia di Milano – tutti possiamo constatare lo stato di avanzamento dei lavori per la viabilità di accesso al nuovo Polo fieristico. Abbiamo l’assicurazione da parte delle tre concessionarie autostradali che la viabilità progettata sarà realizzata in tempo entro il marzo 2005, rispettando l’impegno che ci eravamo assunti». 

Con i lavori di prima fase, saranno realizzati circa 12 mila 500 metri lineari di viabilità, tra rampe e asse viario principale, con una superficie pavimentata di circa 130 mila metri quadrati. Per la realizzazione dell’opera sono state previste due fasi di intervento: il primo sarà pronto ad aprile 2005 e prevede anche l’apertura del nuovo capolinea della line a 1 della metropolitana a Rho-Fiera), in concomitanza con l’apertura della nuova fiera e delle prime manifestazioni, mentre il secondo (il completamento dei lavori) sarà ultimato per gennaio 2006.

Alcuni dati:
– Costo Complessivo dell’opera: 341 milioni di euro, di cui 282 dal CIPE e 159 dalle tre concessionarie autostradali (Autostrade per l’Italia, Milano-Mare e SATAP).
Nuovi collegamenti stradali con: Autostrade A4 (Torino-Milano); A8 (Milano-Laghi) e A9 (Milano-Como); tangenziale ovest di Milano; Strada Statale n. 33 "del Sempione" Strada Provinciale n. 46 "Rho-Monza".
– Lunghezza nuove opere: 4 chilometri; lunghezza tutta la viabilità coinvolta: 28 chilometri.
Prolungamento metropolitana linea 1: 2,1 chilometri complessivi (1 chilometro nel territorio di Rho. Il nuovo capolinea verrà inaugurato con l’apertura della fiera; e 1,1 chilometri nel Comune di Pero la cui stazione sarà pronta successivamente all’inaugurazione del nuovo Polo fieristico).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.