Parcometri “intelligenti”, mozione Ds approvata da tutto il consiglio

E il consigliere Mirabelli scrive a Michieletto: «Il quotidiano on line pubblichi anche le interrogazioni della minoranza»

Nuovi parcometri, in grado di restituire i resti o in alternativa con nuovi frazionamenti. 
Passa la mozione presentata dal consigliere diessino Fabrizio Mirabelli e sottoscritta da 26 consiglieri di maggioranza e opposizione che impegna la giunta Fumagalli a introdurre nuovi sistemi di prelievo per le soste nei parcheggi pubblici del centro. 
Recentemente il comune ha installato in via sperimentale, in piazza Monte Grappa, due parcometri ad energia solare, in previsione di una modifica di tutti i parcometri cittadini. 
Da tempo l’opposizione criticava gli eccessivi costi delle soste, dovuti ai ridotti frazionamenti degli orari previsti dagli apparecchi e al fatto che gli stessi non restituissero resti. Il cittadino spesso era costretto a pagare tariffa piena anche per una sosta di pochi minuti. 
Da qui la mozione che ha trovato appoggio in tutto il consiglio. 
A seguito del voto di ieri i futuri parchimetri potranno quindi restituire i resti delle monete inserite, possibilità oggi inesistente, o si potrà scegliere in un numero maggiore di frazionamenti previsti sino ad oggi. Si pagherà, insomma, in base alla durata effettiva della sosta. 
Nuova puntata, intanto, nella polemica apertasi tra l’opposizione e l’ufficio comunicazione del comune; durante il consiglio lo stesso Mirabelli ha consegnato al difensore civico Mascetti una copia di una lettera già inviata al direttore generale Michieletto. Oggetto della missiva: la richiesta di maggior pluralismo sul quotidiano on line gestito dall’amministrazione.  
Il direttore generale nei giorni scorsi aveva chiarito su Varesenews ruoli, funzione e costi dell’organo di informazione on line, smentendone la natura politica e respingendo al mittente le accuse di propaganda. 
Per verificare, Mirabelli ha ufficialmente chiesto al direttore generale la pubblicazione «di alcune nostre interrogazioni per informare tutti i cittadini su alcuni argomenti che incidono pesantemente sulla vita della città». 
Mirabelli ha chiesto inoltre che venga previsto sulla pagine on line un banner o link che colleghi il lettore ad altre voci, anche minoritarie, presenti sui banchi del consiglio. 
«Una richiesta – conclude Il consigliere – che è perfettamente normale e ragionevole e, ci auguriamo, possa essere esaudita senza difficoltà». 
Al momento tuttavia non vi sono state risposte da Palazzo Estense e sulle pagine del quotidiano on line tutto tace. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.