Piano regolatore, una nuova grande variante entro fine mese

Molte modifiche proposte dall’Amministrazione comunale. «Con particolare attenzione alla tutela ambientale» precisa il sindaco Candiani

Pronta a fine mese una nuova grande variante al piano regolatore. «Variante che ha una particolare attenzione alla tutela ambientale» come precisa il sindaco Stefano Candiani che detiene da circa un anno la delega all’urbanistica. 
È infatti in
fase di completamento una nuova grande variante al piano regolatore al cui interno vi saranno una serie di varianti, molte delle quali proposte direttamente dall’amministrazione comunale. «Stiamo ripulendo tutti gli arretrati – spiega il primo cittadino -. Stiamo ultimando tutte le richieste dei cittadini che erano ferme da anni. Ma attenzione, non stiamo dicendo di "sì" a tutti. Bisogna considerare che sulle richieste che ci sono pervenute ne sono state approvate in commissione territorio circa il 20 per cento».

 

La nuova proposta di variante al piano regolatore segue quella recentemente approvata dal consiglio comunale che al suo interno conteneva 36 varianti. Secondo la minoranza, quelle varianti portavano la città verso la cementificazione. «Nessuna cementificazione in passato, tantomeno oggi con le nuove varianti – spiega il primo cittadino -. Si tratta di aggiustamenti e precisazioni al piano regolatore con particolare attenzione alla tutela del territorio e del verde cittadino».

 

Infatti molte delle varianti che saranno presto sottoposte alla valutazione del consiglio comunale sono state avanzate dall’Amministrazione. «Abbiamo cercato di sistemare il piano regolatore andando ad inserire norme di salvaguardia dove un giorno sorgeranno i sottopassi alla ferrovia, oppure abbiamo proposto di far diventare alcune zone verdi totalmente non edificabili».
La nuova variante al piano regolatore, alla quale la commissione territorio sta lavorando da diversi mesi, potrebbe già essere presentata in consiglio comunale entro la fine di aprile. Dopodiché vi saranno le valutazioni dei consiglieri comunali, gli eventuali aggiustamenti e l’approvazione da parte della Regione Lombardia. 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.