Ritardi nei lavori al collettore di via San Solutore

Dall'amministrazione comunale spiegano che si sta lavorando per risolvere i problemi

Lavori in via San Solutore, presto una soluzione ai ritardi che si sono verificati. Gli interventi sono iniziati nell’ottobre del 2003 e sono relativi alla realizzazione di un tratto di collettore fognario consortile di grande diametro: si tratta di un’opera a cura e spese della Lura Ambiente s.p.a., che ha comportato un investimento di circa 900 mila euro per porre rimedio ad una situazione di grande necessità ed urgenza, visto che andrà a risolvere i gravi problemi dovuti a fenomeni di allagamento in gran parte della zona est della città che troppo spesso andavano verificandosi, e dunque non più differibile.

La stessa Lura Ambiente s.p.a. ha appaltato i lavori ad una ditta di Legnano (la Guerini s.r.l.) e la data di ultimazione degli stessi era prevista per la metà del mese di aprile del 2004. Ma i problemi non sono mancati, poiché nella zona di sottosuolo interessata dagli interventi sono sorti una serie di inconvenienti «non certo preventivabili – spiegano dall’amministrazione comunale -, anche perché nelle documentazioni fornite all’inizio dei lavori non risultavano esserci difficoltà di questo tipo: nella fattispecie, si sono dovuti effettuare ulteriori interventi inerenti i servizi Telecom, Enelgas, Enel elettricità ed acquedotto (senza interrompere mai, se non in un’unica occasione l’erogazione dei servizi all’utenza) ed è dunque stato necessario attuare lo spostamento di diverse tubazioni presenti per far posto al nuovo collettore fognario (del diametro variabile da 1,20 a 2 metri)».

«Va sottolineato che l’amministrazione comunale, nonostante non sia direttamente responsabile di questi lavori – concludono dal Comune -, è direttamente intervenuta anche su richiesta dei cittadini sia sotto il profilo tecnico che con numerosi solleciti alla ditta appaltatrice: solleciti peraltro spesso privi di riscontro. I tecnici comunali, unitamente all’assessore competente, si sono ripetutamente recati in loco, cosa accaduta anche nella mattinata di lunedì 16 aprile, per un ulteriore verifica dello stato di avanzamento dei lavori e per accogliere le osservazioni di alcuni cittadini. I disagi sono stati acutizzati dal fatto che i tempi previsti per l’esecuzione degli interventi non sarebbero stati rispettati: di questo fatto l’amministrazione si è resa interprete presso il committente e la ditta appaltatrice, rimarcando che tale situazione, di fatto, non è più sopportabile; l’intervento farà in modo che entro la prima decade di maggio possa finalmente essere posato il primo strato di asfalto, in attesa del ripristino definitivo della via in oggetto. L’amministrazione civica, più volte intervenuta nonostante la responsabilità dei lavori non sia direttamente imputabile ad essa, ha in tutte le maniere esercitato pressioni affinché la situazione venisse risolta celermente e sottolinea lo spirito civico dei cittadini che hanno dettagliatamente descritto la situazione in essere, ringraziandoli sentitamente per la collaborazione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.