Basta col lavoro minorile

Inizia oggi a Firenze il primo congresso mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile. Le iniziative a Varese e provincia

Sono troppi, nel mondo, i bambini sfruttati, maltrattati e utilizzati come carne da lavoro. Un fenomeno, quello dello sfruttamento minorile, che non ha confini. E per spezzare le catene che vedono bambini nella fabbriche, nei cantieri e nei campi si è inaugurato oggi a Firenze il primo congresso mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile, organizzato da Mani Tese in qualità di coordinatore europeo della "Global March against Child Labour" e dai sindacati confederali italiani Cgil, Cisl e Uil. Fino al 12 maggio e per la prima volta, i bambini saranno i principali protagonisti, non solo in qualità di partecipanti ma anche e soprattutto di relatori, per ricordare al mondo che esistono strumenti di diritto internazionale che si prefiggono di difendere i minori dallo sfruttamento nel mondo del lavoro, ma che questi strumenti possono dare risultati solo se i governi e le istituzioni internazionali si impegnano realmente e politicamente per dar loro la necessaria applicazione (Per informazioni sul Congresso è possibile contattare l’organizzazione Mani Tese al numero di telefono 02/4075165 o all’indirizzo e-mail cutillo@manitese.it)

Proprio in concomitanza con questo evento anche in provincia di Varese sono state organizzate diverse iniziative per sottoporre all’opinione pubblica il problema del lavoro minorile. Domani verrà infatti presentato il ciclo di attività rientranti in "Varese vuole cambiare musica", l’oramai tradizionale appuntamento organizzato dall’Associazione Artigiani, l’associazione Panificatori, Cna, C.S.A, Confesercenti e Legacoop di Varese; l’iniziativa è giunta oramai alla sua sesta edizione.

Collegato con il congresso mondiale di Firenze è invece l’appuntamento organizzato dalla Cgil-Csl-Uil per sabato 15 a Gallarate. I sindacati hanno organizzato per il pomeriggio di sabato, alla Sala Scuderie Martignoni il convegno "Lavoro minorile: lui dice basta e tu?", a cui parteciperanno, oltre che a esponenti del mondo sindacale, anche alcuni ragazzi fra i 300 che hanno partecipato al congresso fiorentino. Ragazzi,  liberati dallo sfruttamento del lavoro minorile, che testimonieranno quali inumane condizioni, ancora oggi, troppi bambini sono costretti a sopportare in tutto il mondo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.