“Dieci euro per famiglia per salvare la Fondazione Zaccheo”

L'europarlamentare Paolo Pastorelli apre a Samarate il conto corrente per salvare la Fondazione

«Dieci euro a familgia è quanto chiediamo ai samaratesi, e non solo a loro, per salvare la Fondazione Zaccheo». Con queste parole l’europarlamentare Paolo Pastorelli ci ha accolti davanti alla filiale di Samarate della Banca Popolare di Lodi, dove si è recato per aprire con 500 euro un conto corrente a beneficio della Fondazione. Un po’ di storia servirà a chiarire la vicenda, assai complessa e delicata. Nel 1998 sei famiglie con figli disabili iniziarono a costruire una casa-alloggio per garantire un futuro ai loro ragazzi anche quando non ci fossero stati più i genitori. I lavori furono finanziati in gran parte dalle famiglie stesse, ma anche dal Comune di Samarate, dalla Fondazione Cariplo e dagli industriali Francesco Canziani e Paola Zocchi. Nel Luglio 2003 fu ufficialmente istituita la Fondazione Zaccheo sotto la presidenza di Sergio Ragazzola, quest’ultimo, presidente anche dell’Associazione Zaccheo istituita a latere della Fondazione. L’Associazione Zaccheo risulta la titolare del diritto di prelazione sull’acquisto dei beni della Fondazione, nonchè la beneficiaria unica in caso di chiusura della Fondazione stessa. In una situazione debitoria piuttosto pesante, la Fondazione Zaccheo si è rivolta a fine marzo ad Handiamo! Italia onlus, associazione nota per l’organizzazione di eventi sportivi per disabili, per ottenere fondi e ripianare i debiti; contemporaneamente il Presidente Ragazzola fissava la chiusura della Fondazione Zaccheo per il 30 aprile. Si è tenuta quindi un’assemblea pubblica sulla questione, con la presenza di amministratori ed esponenti politici (su tutti l’onorevole Pastorelli) durante la quale sono emerse varie contraddizioni nella gestione della Fondazione, della quale il Presidente Ragazzola e i soci fondatori in contestazione hanno dato versioni differenti. Infine in aprile una coop locale chiamata Solidarietà e Servizi ha richiesto al Comune di Samarate la planimetria degli immobili della Fondazione, dicendosi disponibile a gestirli (a differenza della risposta negativa data alcuni mesi prima alla Fondazione stessa). Si è dunque di fronte ad un contorto "caso" politico, un tentativo di takeover di una Fondazione nata per aiutare alcuni disabili da parte di altre forze, parrebbe legate a Comunione e Liberazione, a Ragazzola e al Sindaco Ermanno Venco, interessate con tutta probabilità ad acquisirne gli immobili. L’onorevole Pastorelli, presa conoscenza della situazione, ha deciso di agire in prima persona e di aprire un conto corrente le cui coordinate bancarie riportiamo in fondo all’articolo. «Per natura alle parole preferisco i fatti, pertanto apro la sottoscrizione e faccio appello agli amministratori locali (assenti questa mattina, ndr) perchè contribuiscano a loro volta» ha commentato l’onorevole. «Un grazie a tutti e forza, che ce la facciamo» ha detto la vicepresidente della Fondazione Zaccheo Rita Di Bari. «Il versamento può essere fatto in qualsiasi sportello bancario, e come donazione è detraibile al 19%» ha ricordato Paolo Conte, presidente di Handiamo! Italia. L’iniziativa della raccolta fondi ha il sostegno anche dell’assessore all’istruzione, cultura e sport del Comune di Samarate Giuseppe Romani, compagno di partiro di pastorelli nell’UDC. 

Coordinate bancarie per chi volesse contribuire: ABI 05164 CAB 50510 conto n. 834264

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.