I tanti dubbi degli adolescenti raccolti dallo sportello Delfino

Hanno dato ottimi risultati i servizi di ascolto e aiuto attivati dai dodici comuni del distretto di Azzate . In un anno e mezzo, i tre sportelli sul territorio hanno raccolto 76 richieste

L’adolescenza è un periodo delicato. I ragazzi crescono tra dubbi e insicurezze. Il distretto socio sanitario di Azzate raggruppa dodici comuni per un totale di 48.000 abitanti: sono seimila i giovani del territorio. Grazie alle nuove competenze comunali in tema di welfare, le amministrazioni comunali del distretto, coordinate da Buguggiate hanno lanciato un progetto, chiamato “Delfino l’Ascoltagiovani” dedicato interamente alle problematiche che affliggono la popolazione che va dai 14 ai 24 anni e i loro genitori. Tre sportelli di councelling sono stati aperti a Buguggiate, Morazzone e Mornago: psicologi  hanno offerto aiuto e ascolto ai problemi  di quanti si sono voluti avvicinare, individuando percorsi personali di crescita. Non psicoterapia ma accompagnamento. Sono state 76, 51 adulti e 25 ragazzi, le persone che in un anno e mezzo si sono rivolte allo sportello.
Accanto al progetto Delfino,  si è poi avviato un secondo percorso denominato “Delfino  Formagiovani, più indirizzato agli studenti delle superiori, dell’Itis e dell’Itpa di Gazzada, incentrato sulle tematiche delle dipendenze e dei comportamenti a rischio.
«L’iniziativa rientra in un progetto più ampio di servizi alla persona che i comuni del distretto hanno lanciato – commenta il sindaco di Buguggiate Alessandro Vedani – La legge 328 richiede più sinergia tra gli enti locali sul tema del sociale. Noi abbiamo deciso di fare un investimento anche sui giovani, che si aggiunge alle attività che eroghiamo e che nel giro di una settimana saranno visibili sul portale http://www.serviziallapersona.it/, dove psicologi e personale di supporto, avranno modo di avere a disposizione e in tempo reale tutte le informazioni utili per fare il proprio lavoro».
Alla presentazione ufficiale, però, accanto al sindaco di Buguggiate c’era solo il collega di Crosio della Valle: «È difficile lavorare in equipe – commenta Giorgio Belli – mettere insieme tante teste. Eppure siamo costretti a lavorare uniti per dare le risposte giuste a problemi che sono comunque diffusi sul territorio».
«Quando manca un comune capofila, per dimensioni e capacità finanziaria, è tutto più difficile – aggiunge Vedani – nelle realtà come le nostre si fa il doppio della fatica. Noi, però, ci stiamo impegnando, per dare gli strumenti utili a chi ne ha bisogno».
Anche internet, quindi, diventa uno mezzo prezioso per far circolare informazioni e dare le risposte in tempo reale: «Oggi l’evoluzione tecnologica ci permette di sfruttare al meglio le potenzialità di internet. È uno strumento veloce, immediato, la cui diffusione, ormai, è pressoché generale»

Entrambi i progetti, Delfino Acoltagiovani e Delfino Formagiovani proseguono fino alla fine dell’anno.
Per prendere appuntamento si può telefonare al numero verde 800230538.

Ricordiamo che gli sportelli di ascolto sono :

Buguggiate in via Trieste 33, presso l’ex scuola materna

Morazzone in via XXVI Agosto 3, presso Biblioteca comunale
Mornago
in via Marconi 9, presso Biblioteca comunale

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.