«Polemiche sterili e vecchie, spese pubbliche sotto controllo»

Alleanza Nazionale interviene nel dibattito aperto dal centrosinistra che accusava l'amministrazione di non saper gestire gli appalti pubblici

Prosegue la polemica innescata dal centrosinistra con l’accusa mossa alla maggioranza di non essere in grado di gestire i numerosi appalti pubblici. Questa volta, dopo le dichiarazioni di settimana scorsa del sindaco Candiani e del vicesindaco Margutti, scende in campo anche il capogruppo in consiglio comunale di Alleanza Nazionale, Gianfranco Bollini. «E’ partita la campagna elettorale, e dunque i toni e le dichiarazioni da parte dei rappresentanti delle opposizioni di centrosinistra sono più accesi e più forti del normale, come capita sempre prima di una qualsiasi elezione – spiega Bonasso -. Sono stati riproposti all’attenzione temi triti e ritriti,  sui quali si è già detto tutto, questioni che sono già  state ampiamente spiegate e chiarite anche in Consiglio Comunale. Non voglio entrare, per l’ennesima volta, nello specifico dei singoli argomenti, dico solo che ad esempio la nuova biblioteca, presso la vecchia fabbrica Frera, rappresenterà uno dei fiori all’occhiello della nostra cittadina e che è costata relativamente poco in rapporto al beneficio che darà ai nostri concittadini, specialmente quelli più giovani».

«I debiti che l’Amministrazione Comunale sta contraendo sono assolutamente sostenibili – prosegue Bonasso -. Questa cosa è già stata ampiamente evidenziata  dall’assessore al Bilancio, Angelo Carnelli, che sta facendo un ottimo lavoro e che ha la situazione totalmente sottocontrollo. Per inciso va evidenziato come anche quest’anno i cittadini tradatesi non pagheranno l’addizionale Irpef e come sia rimasta invariata l’aliquota Ici sulla prima casa. Ritengo che invece di protestare senza costrutto bisognerebbe essere capaci di vedere le cose positive che si stanno realizzando, come ad esempio l’ampliamento del Pip. e sul quale le opposizioni si sono astenute. Questa Amministrazione ha  chiuso vecchie pendenze  e vecchie questioni e in una logica di continuità amministrativa  non poteva essere altrimenti. Intendiamo continuare  a lavorare così come stiamo facendo, con impegno e serietà. Se le opposizioni faranno proposte costruttive queste  saranno ben accette, se faranno opposizione distruttiva poi non si potranno lamentare. Tutto quello che ci viene contestato non può essere catalogato come spreco  bensì come investimenti. Investimenti che hanno un unico fine: rendere migliore la nostra amata cittadina e di conseguenza la  qualità della vita di chi vi abita . Stiamo realizzando il programma, e magari a questo non tutti erano abituati. Tanto più che leggendo le critiche del centro-sinistra  riguardo all’indebitamento mi viene da chiedere: ma loro come pensavano di trovare i soldi per realizzare il loro programma elettorale?»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 maggio 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.